Una sconfitta, per altro casalinga e contro una squadra ben più che abbordabile come il Lech Poznan (non brillantissima in Europa e tanto meno in Ekstraklasa, almeno in questo inizio di stagione), proprio non ci voleva per una Fiorentina che non riesce ad approfittare del passo falso del Basilea, analogamente sconfitto in casa nella serata di Europa League dai portoghesi del Belenenses, e ora è costretta a rincorrere le avversarie del Gruppo I della fase a gironi dal suo ultimo posto in classifica a quota tre punti. Un percorso nettamente complicato dalle due sconfitte interne che ora rischia di compromettere seriamente la qualificazione ai sedicesimi.

Deluso e amareggiato per il risultato infausto, il tecnico viola Paulo Sousa ha provato ad analizzare nel post-partita ciò che nella Fiorentina non ha funzionato: “Non abbiamo sfruttato le nostre occasioni e questo ci ha portato a vivere una serata triste. I nostri avversari si sono presentati con le linee molto strette e i giocatori molto compatti fra loro mentre le nostre linee non erano nella posizione giusta per recuperare palla. Abbiamo avuto subito un’occasione per segnare, e quando si fa gol gli spazi cominciano ad aprirsi e aumenta la fiducia. Questo è invece successo ai nostri avversari, che si sono chiusi molto bene, i minuti passavano e la loro fiducia è aumentata“.

Il portoghese non risparmia qualche critica ai suoi giocatori per aver interpretato il match con eccessiva sufficienza: “Occorre essere sempre intensi mentalmente per essere posizionati bene in campo e questo alle volte non è successo. Anche la mobilità di certi giocatori non è stata delle migliori e contro queste squadre c’è bisogno anche di rischiare un po’ di più nell’uno contro uno, anche negli spazi stretti, e provare a calciare anche da fuori area“.

Poca intensità ed errori tattici di posizionamento e nei movimenti, ma forse c’è stata, alla base, anche una sottostima dell’avversario alla quale l’attaccante viola Bernardeschi ha risposto così: “Siamo entrati in campo motivati, abbiamo subito rischiato di fare gol, abbiamo avuto un po’ di sfortuna ma ci sono anche queste partite purtroppo, bisogna andare avanti. Siamo una squadra abituata a queste competizioni, bisogna continuare così, portare a casa questa sconfitta e ripartire da domani il più forte possibile“.