Dopo due sconfitte casalinghe oggettivamente immeritate contro il Basilea e il Lech Poznan giungono fondamentali come una bombola d’ossigeno per chi è in apnea i tre punti conquistati a Poznan dalla Fiorentina nel percorso di qualificazione di Europa League. A questo proposito, il tecnico viola Paulo Sousa, nelle interviste post-gara ha spiegato esaustivamente le sue scelte tecniche, sottolineando anche la prova di Ilicic autore dei due gol:

“La squadra deve sempre giocare in maniera intensa e dare tutto ciò che ha senza limiti. Ilicic è un giocatore importante anche nelle transizioni, per questo è fondamentale fra le linee. È stato determinante per chiudere la partita. Oggi è stata una gara molto difficile, i nostri avversari hanno difeso bene e hanno cercato difarci male con le ripartenze. Ho visto una squadra che ha voluto portare a casa i tre punti con grinta”.

Sempre a proposito di scelte tecniche, sicuramente rischiose poiché decidere di tenere fuori dall’undici titolare giocatori del calibro di Borja Valero, Kalinic e Badelj comporta dei rischi, è stato chiesto al tecnico portoghese se esistano, nei piani della Fiorentina, priorità circa gli obiettivi: “Scegliere fra Scudetto e Europa League? Noi vogliamo vincere sempre, il nostro obiettivo è quello di crescere con costanza per portare a casa punti importanti per lottare su tutti i fronti“.

In conclusione Sousa ribadisce l’importanza dell’intensità di gioco e del posizionamento dei giocatori in campo, chiavi fondamentali del successo viola: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, per questo era importante mantenere i giusti equilibri. Forse oggi non abbiamo giocato alla stessa velocità di sempre, anche a causa del freddo. Abbiamo provato le conclusioni da fuori area, con Rossi che ha cercato sempre la profondità. È stata una gara davvero dura, ma alla fine siamo riusciti a vincere. Il posizionamento dei giocatori è importante, lavoriamo sempre per migliorare questo aspetto“.