Partita aperta a mille pronostici, Fiorentina – Milan è l’appuntamento clou della sesta giornata di Serie A. I numeri sono favorevoli ai viola.

IL MOMENTO

I due successi su Samp e Lazio fanno sorridere il popolo rossonero. Miglioramento nei risultati che va di pari passo col gioco. Convincenti le prove degli esterni, tra cui Calabria, un giovane italiano che lascia ben sperare. Niang e Suso supportano a dovere Bacca, cliente ostico per la formazione diretta in panchina da Paulo Sousa, incapace di andare oltre al 2-2 sul terreno dell’Udinese. Momentaneamente la classifica parla a favore del “Diavolo”: 9 a 7 i punti conquistati da Montella, il grande ex della partita.

LE STATISTICHE

I toscani comandano nei precedenti dinnanzi al pubblico amico: 31 i successi in 76 incontri del massimo campionato, a fronte di 21 pareggi e 24 gioie meneghine. Fiorentina, avanti anche nei goal realizzati (113 contro 100), trionfante negli ultimi due confronti al Franchi, l’ultimo (23 agosto 2015) firmato Marcos Alonso e Ilicic. Il Milan non vince più dal 26 marzo 2014, impostosi grazie alle reti di Mexes e Balotelli. Il segno X manca da domenica 7 aprile 2013, duello valevole la qualificazione in Champions. Ospiti sul doppio vantaggio con Montolivo e Flamini, rimontati nella ripresa dai due rigori di Ljajic e Pizarro.

LE VITTORIE PIÙ NETTE

Datata 10 aprile 1993 la gara con il maggior numero di reti. Sugli scudi Massaro, Gullit e Van Basten, autori di una doppietta a testa. Lentini e, per i padroni di casa, Effenberg, Baiano e Di Mauro fissano il punteggio sul 7-3 finale. Questa la vittoria più larga dei rossoneri a Firenze, sono un 4-0 ed un 5-1 i passivi più pesanti inflitti dai viola. Mentre il 5-1 risale al lontanissimo 30 aprile 1933, il 4-0 è del 14 gennaio 2001: a scriivere il proprio nome sul tabellino dei marcatori Nuno Gomes, Cois, Chiesa e Rui Costa.