Villarreal-Real Saragozza 2-2 del 1° ottobre 2011. Era da questa partita che Giuseppe Rossi non segnava una rete. La sua assenza prolungata, terminata a Pescara lo scorso 19 maggio, è durata più del previsto a causa di un intervento chirurgico errato.

In molti si chiedevano se il 26 enne giocatore della Nazionale Italiana sarebbe rientrato, vista la gravità della rottura del legamento crociato del ginocchio destro.

Quella di “Pepito”, rimasto fuori dai campi di gioco un anno e sette mesi, è un’assenza prolungata che ricorda altre del passato.

Ad esempio, Marco Van Basten, che giocò la sua ultima gara ufficiale nel 1993, ma di fatto si arrese ai problemi congeniti della sua caviglia soltanto nel 1995. Si ricorda anche quello di Gigi Riva, che si produrò uno strappo muscolare alla coscia in una gara del 1975-76 e fu costretto a smettere all’età di 31 anni.

Anche l’omonimo Paolo Rossi, quando era nelle giovanili della Juventus, ha dovuto far fronte a ben tre interventi al menisco nel giro di due stagioni.

Tra gli atri, citiamo anche Roberto Baggio, che il 5 maggio 1985 si ruppe crociato e menisco in un Rimini-Vicenza e rimase fuori oltre un anno.

Foto: Infophoto.