Quasi 20 anni di ascesa: dalla primo italiano a esordire in NBA (Rusconi nel 1995 con i Toronto Raptors, anche se Dino Meneghin era stato scelto nel Draft del 1970, ma non aveva mai messo piede nel campionato americano) alla prima scelta assoluta di Andrea Bargnani nel 2006, per approdare alla prima Finale NBA di un azzurro. Questa notte toccherà a Marco Belinelli da San Giovanni in Persiceto, che esordirà nelle NBA Finals 2014 assieme ai suoi San Antonio Spurs, sfidando i Miami Heat bi-campioni in carica di LeBron James.

IL PROGRAMMA TV DELLE FINALI

STORIA – L’ultimo atto della stagione 2013-2014 è la replica della bellissima finale 2013, vinta 4-3 dagli Heat dopo un’incredibile quantità di emozioni nella sesta partita chiusa al supplementare da Ray Allen e compagni. E’ il primo back-to-back alle Finals delle stesse squadre dalle stagioni ’97-’98 e dalle sfide epiche Jazz-Bulls, chiusesi sempre con il successo di Chicago e Michael Jordan in sei partite. Furono sfide uniche, quelle, e proprio il pensiero di allora ci porta a pensare che quelle attuali manterranno l’altissimo livello della passata stagione. Con una differenza: il vantaggio del fattore campo appartiene a San Antonio, mentre un anno fa era appannaggio di Miami. Vincendo il titolo San Antonio diventerebbe la squadra campione con più stranieri in roster (8), compreso ovviamente Marco Belinelli, nostro primo rappresentante nella serie per il titolo.

DUBBIO – C’è l’incognita Tony Parker, la cui caviglia sinistra sta bene, ma non benissimo, anche se in gara 1 sarà regolarmente sul parquet. E’ già stato l’MVP delle Finals 2007 ed è il primo terminale offensivo degli Spurs. Dovesse mancare o trovarsi a mezzo servizio, sarebbe guai seri, per Popovich. Le sue penetrazioni possono “spaccare” la difesa di Miami, sarà interessante vedere se LB James verrà ancora “dirottato” su di lui, in difesa.

DOLLARI - In palio non c’è solo l’anello, ma anche un po’ di dollaroni, 836,464 per la precisione. San Antonio vincendo porterebbe a casa 4.104.811 dollari per l’intera postseason, gli Heat salirebbero a 3.631.684 (la differenza è dovuta al piazzamento in stagione regolare).

LAVAGNA TATTICA – Sono due squadre che si conoscono fin troppo bene, non c’è niente da inventare. Saranno fondamentali gli aggiustamenti a opera in corso. Entrambe le compagini sanno difendere divinamente, ma San Antonio può avere rotazioni più lunghe e rispetto al 2013 ha inserito Marco Belinelli. Marco ha giocato poco in questi playoff, ma potrebbe farlo di più in Finale, sia perché in Regular Season ha difeso bene su Wade, sia perché, dall’altro lato del campo, potrebbe far impazzire (e stancare) lo stesso Wade sui blocchi… Gli Heat in più quest’anno hanno un Chris Bosh che tira e segna quasi come ai tempi di Toronto, soprattutto da tre punti (chiuse con 0 punti gara 7 di Finale un anno fa…), ma dipenderanno molto, oltre che da LeBron James, dai tiri da fuori di Allen, Battier, Jones e Lewis. Pronostico onestamente apertissimo, la speranza è che la Finale sia bella come nel 2013.

LA TIFOSA MALATA CHE COMMUOVE L’AMERICA

CLASSIFICHE AL TERMINE DELLA REGULAR SEASON:

EASTERN CONFERENCE                   WESTERN CONFERENCE
1. Indiana 56-26                                    1. San Antonio 62-20
2. Miami 54-28                                       2. Oklahoma City 59-23
3. Toronto 48-34                                   3. LA Clippers 57-25
4. Chicago 48-34                                   4. Houston 54-28
5. Washington 44-38                             5. Portland 54-28
6. Brooklyn 44-38                                 6. Golden State 51-31
7. Charlotte 43-39                                7. Memphis 50-32
8. Atlanta 38-44                                    8. Dallas 49-33
9. New York 37-45                                 9. Phoenix 48-34
10. Cleveland 33-49                              10. Minnesota 40-42
11. Detroit 29-53                                    11. Denver 36-46
12. Boston 25-57                                  12. New Orleans 34-48
13. Orlando 23-59                                 13. Sacramento 28-54
14. Philadelphia 19-63                          14. LA Lakers 27-55
15. Milwaukee 15-67                             15. Utah 25-57

ACCOPPIAMENTI PLAYOFF PRIMO TURNO:

EASTERN CONFERENCE                                              WESTERN CONFERENCE

(1) Indiana - (8) Atlanta 4-3                                            (1) San Antonio - (8) Dallas 4-3
(4) Chicago – (5) Washington 1-4                                  (4) Houston – (5) Portland 2-4
(3) Toronto – (6) Brooklyn 3-4                                       (3) LA Clippers - (6) Golden State 4-3
(2) Miami -  (7) Charlotte 4-0                                         (2) Oklahoma City - (7) Memphis 4-3.

SEMIFINALI DI CONFERENCE:

(1) Indiana-(5) Washington  4-2                                            (1) San Antonio     -(5) Portland       4-1

(2) Miami   -(6) Brooklyn    4-1                                            (2) Oklahoma City-(3) LA Clippers  4-2

FINALI DI CONFERENCE:

(1) Indiana-(2) Miami 2-4                                                        (1) San Antonio-(2) Oklahoma City 4-2

FINALE NBA:

(1) San Antonio Spurs- (3) Miami Heat

PLAYOFF, REGOLAMENTO, ACCOPPIAMENTI, CLASSIFICHE COMPLETE