L’ex calciatore Zico, già in Italia con la maglia dell’Udinese, ha annunciato la sua possibile candidatura alla prossima presidenza della Fifa. Da Rio de Janeiro passando per l’India, dunque, rimbalza la voce di un’icona del calcio, che ha ammesso come stia valutando l’eventualità di potersi cimentare in questa nuova avventura.

Arthur Antunes Coimbra, meglio noto come Zico, dalla pagina del suo profilo ufficiale di Facebook ha ribadito: “Io presidente della Fifa. Perché no? La mia vita è sempre stata legata al calcio – si legge – una passione che ho esercitato con serietà e rispetto in Brasile e in altri paesi”.

Poi, direttamente dall’India dove è impegnato, i 62enne carioca ha proseguito: “A cena con Sandra ho pensato a questo. Mia moglie e i miei figli mi sostengono. Sono stato il Ministro dello Sport, ho esperienza con il mio club. Penso che il calcio venga prima della politica. Non ho ancora alcun supporto, ma la corsa è aperta a tutti e potrei diventare un candidato alla presidenza della Fifa”.

Zico non vuole sentir parlare, però, della sua eventuale candidatura come un’opposizione a quella di Michel Platini:Non ha niente a che fare con lui – prosegue - è un mio caro amico. E’ una possibilità, perché ora chiunque può essere un candidato. In precedenza, questo sarebbe stato impossibile”.

La carriera di Zico, una volta appese le scarpette al chiodo, è stata molto altalenante. Le sue avventure da allenatore l’hanno portato a guidare le nazionali di Giappone e Iraq, mentre a livello di club ha diretto Fenerbahçe (Turchia), Olympiakos (Grecia), Bunyodkor (Uzbekistan), Cska Mosca (Russia) e Al-Gharafa (Qatar). Oggi guida il club indiano del Goa.