“Per il nuovo format del Mondiale è importante aumentare il numero di squadre e quindi di federazioni e nazioni che possono partecipare alla competizione, perché ormai il calcio è evoluto tanto che dobbiamo che dobbiamo cercare di includere più paesi: quindi aumentare da 48 squadre o a 40 non è importante, basta che si aumenti”. Sono le parole di Gianni Infantino, il presidente della Fifa, in una intervista da Zurigo trasmessa su Radio 1 durante “A tutto Campo”, dove parla della possibilità di aumentare il numero di squadre partecipanti per la massima competizione mondiale.

Mondiali, Infantino vuole di più

Il numero uno del calcio porta l’esempio della Uefa che proprio per l’edizione del campionato Europeo 2016 aveva portato le squadre da 16 a 24: “Lo ha fatto la Uefa con il campionato Europeo, passando da 16 a 24 squadre, lo hanno fatto altre confederazioni. Non c’è, penso, modo più potente per sviluppare il calcio che la qualificazione ad un Mondiale o ad un Europeo”.

“Vedere come possiamo sviluppare il calcio e ampliare il numero di partecipanti mi sembra una buona via, ovviamente fermo restando il calendario internazionale e il fatto che non si possono aggiungere date addizionali. Dunque si tratta di trovare un buon compromesso. La decisione? Assolutamente si deciderà a gennaio, dobbiamo fare ancora un po’ di lavoro e di analisi, le sottoporremo al Consiglio, dovremo parlarne anche con i club, ma andiamo avanti” conclude Infantino.