Federico Pellegrino è il primo atleta non di origine nordica ad aver vinto la Coppa del Mondo sprint di sci di fondo. Ed è italiano. Risultato: un mito, entrato presto nella storia del nostro paese. Perché ha tolto lo scettro del potere a chi l’ha sempre avuto, perché guarda al futuro con rinnovato ottimismo e perché, in fin dei conti, ha quegli occhi e quella faccia pulita da bravo ragazzo, che sempre più difficilmente si riesce a trovare tra gli atleti sportivi.

Leonardo.it ha avuto il piacere di poterlo incontrare per un’intervista esclusiva, dove Federico Pellegrino ha parlato di tutto: della sua avventura Mondiale, del suo presente e del suo futuro. Di una compagna che lo sostiene in ogni momento della sua vita, privata e sportiva; e di tutto l’universo che ruota attorno ad un atleta che ha trionfato, a sorpresa, in una disciplina dove mai l’Italia aveva toccato vertici così alti.

E se quest’anno il vessillo italiano, oltre che da Federico Pellegrino da Aosta, è stato tenuto in piedi anche dai vari Dorothea Wierer, Peter Fill e Michela Moioli tra gli altri, gente capace di arrivare alle vette mondiali, qualcosa vorrà pure dire.

La rinascita dello sci italiano, di fondo e alpino: e lui Federico Pellegrino, che si confessa con la medaglia d’oro al collo e la Coppa del Mondo conquistata lì di fianco, sul tavolo. La guarda, l’ammira, la coccola: perché il sogno è diventato realtà, senza se e senza ma. Ecco qui l’intervista esclusiva di Leonardo.it, buona visione.