Accolti al Quirinale da Sergio Mattarella i medagliati olimpici e paralimpici di Rio 2016.

BANDIERA TRICOLORE

Il Presidente della Repubblica ha voluto ringraziare gli atleti per i successi raccolti: “Oggi riconsegnate il tricolore, ma con i Giochi di Rio siete stati voi la nostra bandiera. E continuerete ad esserlo. Voglio concludere rivolgendo un saluto particolare a Federica Pellegrini, a Bebe Vio, a Martina Caironi: portando la bandiera a Rio voi avete rappresentato l’Italia in cui è bello riconoscersi. Lo sport è un investimento sempre proficuo, specialmente se la cura dell’eccellenza va di pari passo con la pratica sportiva. Non devono mai essere disgiunte e nemmeno contrapposte. Olimpiadi e Paralimpiadi sono un evento straordinario, ricco di fascino per tutto il mondo. Rio è stata per quattro settimane il centro del mondo, guardata da tutte le nazioni con amicizia e affetto: e Rio si è proposta con efficacia”.

PELLEGRINI: “ROMA 2024? UN PECCATO”

Federica Pellegrini ha confermato l’idea di competere ancora: “L’obiettivo è andare avanti per il prossimo quadriennio. Non mi sento vecchia. Oggi nessuno ha pronunciato le parole Roma 2024? Ormai non ci sono più, purtroppo. Se è un rimpianto? Per il mondo dello sport sicuro, noi non facciamo politica. È un peccato”.

MALAGÒ

Intervenuto anche il presidente del Coni Giovanni Malagò: “Noi abbiamo il coraggio delle sfide, affrontate con lungimiranza, un coraggio che aspira a un domani a cinque cerchi. La nostra è un’aspirazione che non può essere negata dai pregiudizi, la voglia di sognare può essere pregiudicata solo dalla paura di fallire. Raggi chiede lo stesso i fondi delle Olimpiadi? Il nostro dossier e la nostra proposta era esattamente in questa direzione” e in virtù del possibile ottenimento dei Giochi, la Capitale “in particolare, e altre città, avrebbero avuto questo tipo di beneficio». Ospitare le Olimpiadi nel 2024 «era proprio il modo, penso l’unico ma sono felice se ne hanno degli altri, per avere delle risorse che vengono messe a disposizione della città e del territorio”.