Tre estati fa, prima dei Mondiali di Shanghai, poi trionfali per lei con due ori su 200sl e 400sl, si lasciò andare (capita di rado) al grido di “sarò la donna della vostra estate“. E così fu. Oggi, dopo Londra e Barcellona, speriamo di poter dire che Federica Pellegrini da Spinea sarà la donna delle prossime estati. Perché da questo agosto parte un crescendo di manifestazioni (e speriamo di emozioni) che porterà dagli Europei di Berlino, passando per i Mondiali di Kazan 2015, fino ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, là dove la mente della campionessa veneta è già rivolta. E allora buon compleanno Federica, visto che proprio oggi compie 26 anni, essendo nata il 5 agosto 1988.

Giusto dieci anni fa, a 15 anni (ne doveva ancora compiere 16) stupì il nuoto italiano e mondiale (poi neanche tanto, perché di lei si parlava già da quando aveva 12 anni) agli Assoluti Primaverili, mostrandosi molto competitiva ai massimi livelli su 200sl e anche (allora) sui 100sl. Poi arrivò l’Olimpiade di Atene 2004, l’argento a Cinque Cerchi a 16 anni (la più giovane medagliata di sempre nella storia delle Olimpiadi italiane) e l’inizio di una storia tutt’altro che conclusa, fatta anche di momenti difficili, certo, ma soprattutto di trionfi esaltati, dai 4 ori mondiali all’unico olimpico, passando però per tantissime altre medaglie e ben undici record del mondo. A Berlino la vedremo in acqua nei 200sl e dorso e, quasi sicuramente, anche nei 400sl, oltre che nelle staffette. Titoli continentali ne ha già vinti tanti, Federica, ma non mancano gli stimoli nuovi, visto che per esempio non le è mai riuscita la doppietta d’oro nelle sue distanze preferite nella rassegna europea, mentre tra Roma 2009 e Shanghai 2011 si è verificata due volte ai Mondiali…