MILANO - Confermiamo le belle impressioni già avute da mesi, dagli Assoluti Primaverili passando per il Sette Colli di Roma per arrivare al Meeting di Milano, Nilox Swimming Cup 2013, Trofeo Banca Popolare, che andrà in scena tra questa sera, martedì 2 luglio, e domani, mercoledì 3 luglio, a Torino. La scelta dell’anno “alternativo“, l’abbiamo definito così più che sabbatico, visto che continua ad allenarsi e non poco, ma a pancia in su, sta facendo solo bene a Federica Pellegrini (nella foto Infophoto), da mesi molto serena, rilassata, disponibile, convinta, con le idee ben chiare sul presente, nella sua nuova veste a dorso, che poi comunque non verrà abbandonata, e futura, quando tornerà ad “ammazzarsi di lavoro“, come ama dire lei, tra Narbonne e Verona, dal prossimo settembre, riprendendo a macinare chilometri con allenamenti doppi stile libero compreso, ovviamente.

E allora che dorso sia, alla Swimming Cup (100 oggi, 200 domani, gara australiana questa sera, sui 50m stile libero) e ai Mondiali di Barcellona, dove arriverà da outsider, dove sarà praticamente impossibile battere la favorita assoluta, la campionessa olimpica e primatista mondiale Melissa Franklin, fresca del 2’05”68 nuotato ai Trials americani di Indianapolis, ma dove potrà lottare per una medaglia con le “terrestri”, ovvero l’altra americana Pelton, l’australiana Hocking, l’ucraina Zevina. Data l’assenza della russa Zueva e considerato che le cinesi sono molto meno forti su questa distanza rispetto ad altre, l’impresa non è poi così impossibile. Federica al momento ha il quinto crono mondiale del 2013, 2’08”05, a 2 centesimi dal primato italiano di Alessia Filippi (in realtà sarebbe il sesto, ma è inutile considerare la terza americana, Elizabeth Beisel, visto che nella rassegna iridata potranno partecipare solo due atlete per nazione). Certo, per sognare il podio a Barcellona (Mondiali che cominciano, per il nuoto, il 27 luglio, fino al 4 agosto, tutti in diretta su Eurosport Italia) bisognerà togliere a quel tempo almeno 2 secondi, ma questo la campionessa veneta lo sa benissimo: “Una medaglia? – dice lei – Noi italiani e io per prima siamo sognatori, per cui è bello sognare. Però non mi faccio illusioni visti anche i tempi realizzati agli Assoluti Italiani che sono molto lontani da un ipotetico podio. Il mio obiettivo è quello di arrivare a Barcellona in uno stato di forma tale da raggiungere la finale dei 200 dorso in una gara su cui mi alleno solo da pochi mesi. Sono molto serena, è un anno molto tranquillo, non ho la tensione di chi deve vincere medaglie. Ora saranno gli altri azzurri che dovranno dimostrare di esserci“.

Sugli amati 200sl Federica lascia aperta una piccolissima porticina: “Ho chiesto di mantenere l’iscrizione aperta anche per i 200 stile libero perché non ci sono altre italiane qualificate in questa gara (a parte Alice Mizzau, ndr), e quindi non leverei in ogni caso il posto a nessuno . Non c’è comunque alcuna possibilità che gareggi nei 200 stile libero. Farò il dorso e le staffette. Però Philippe Lucas, il mio allenatore, mi sorprende sempre e non mi stupirei se mi dicesse di gareggiare in uno stile che non ho allenato”. La Pellegrini si è infine concessa qualche divagazione sul tema, come sul 25esimo compleanno, che festeggerà a Jesolo il prossimo agosto, probabilmente in compagnia di Alessandro Del Piero, in ritiro in Veneto con il suo Sidney e con il quale c’è stato uno scambio di messaggi via twitter: “Lo spero proprio anche perché è un atleta che stimo al di là delle mie simpatie juventine“.

Ma la Nilox Swimming Cup 2013 non è solo Federica Pellegrini, tutt’altro: per la settima edizione, intanto, come anticipato, il programma si sdoppia per toccare due grandi città del Nord Italia. Questa sera appuntamento tradizionale a Milano, nella piscina dell’Aspria Harbour Club; domani si gareggerà invece a Torino, nel Palazzo del Nuoto. La scelta di portare una delle due serate della storica manifestazione di nuoto in città è dovuta al grande dinamismo che Torino ha dimostrato in questi ultimi anni, soprattutto dal punto di vista degli eventi sportivi, dalle Olimpiadi invernali del 2006 a tutto il fitto programma di eventi in vista del 2015, quando sarà Capitale Europea dello Sport.

Le gare quest’anno saranno trasmesse in diretta tv da Sky Sport, che seguirà l’evento con una programmazione speciale. Più di 100 nuotatori sono attesi, in rappresentanza di 10 nazioni. Tra gli azzurri presenti anche Luca Dotto, Fabio Scozzoli, Filippo Magnini, Samuel Pizzetti, Ilaria Bianchi, Matteo Rivolta, Mattia Pesce, Arianna Barbieri, Piero Codia e molti altri ancora (non Gregorio Paltrinieri alle prese anche con l’esame per entrare in Polizia, dopo quello di maturità…). Tra gli stranieri, il campione olimpico in carica nonché primatista mondiale sui 100 rana, il sudafricano Cameron Van Der Burgh, la campionessa del mondo dei 100sl, la danese Jeanette Ottesen, i fratelli tedeschi Markus&Steffen Deible, il vice-campione olimpico sui 100 farfalla, il russo Evgeny Korotyshkin. 

Gare sui 50, 100, 200, 400 e 800sl uomini, 50 e 100 rana uomini, 100 e 200 dorso donne, 50 e 100 delfino uomini e donne, Australiana 50sl sia uomini che donne, Australiana 50 rana uomini.

/em