Si è concluso ieri il Mondiale 2014. Hanno partecipato 32 squadre, ma una sola ha festeggiato. E’ la Germania che ha trionfato 1-0 contro l’Argentina nella finalissima del Maracanà. Uno spettacolo fantastico, superbo in una cornice incredibile. Purtroppo la kermesse brasiliana si chiude qui.

Sabato 12 luglio, invece, si è disputata la finale per il terzo e quarto posto. A vincere è stata l’Olanda che ha battuto il Brasile 3-0.

Per chi ha giocato al Fantacalcio è giunto quindi il momento di tirare le somme definitive anche per questa avventura. Vediamo quindi quali sono stati i migliori e i peggiori di questo turno finale.

PORTIERI

I migliori. Nella finale vinta dalla Germania 1-0 contro l’Argentina, Neuer non subisce reti, unico neo della gara una uscita un po avventata e pericolosa su Higuain: gli è andata bene.Vince meritatamente il premio come miglior portiere dei Mondiali 2014. Se non è il più forte, è sicuramente uno degli estremi difensori migliori del mondo. Anche l’olandese Cillesen, nella vittoria 3-0 degli Oranje contro il Brasile, chiude un’altra sfida senza gol al passivo. Bravo.

I peggiori. Non ha le dimensioni della sconfitta subita contro la Germania, ma la batosta 3-0 del Brasile ad opera dell’Olanda è comunque molto importante. Julio Cesar incassa quindi altre tre reti chiudendo nel peggiore dei modi la sua carriera verdeoro: 10 reti in due partite.

DIFENSORI

I migliori. Superba prova del tedesco Jerome Boateng che argina tutto quello che può. Ottima prestazione anche  per l’olandese Blind che riesce a trovare pure la via della rete. Molto bene anche il suo sostituto Janmaat che entra al 70′ della ripresa e regala a Wijnaldum l’assist per il gol del 3-0.

I peggiori. Pessima prova della coppia centrale verdeoro Thiago Silva e David Luiz. Il primo provoca un rigore dopo due minuti di gara rimediando un giallo e il Brasile subisce l’1-0. Il secondo commette una grave ingenuità sul raddoppio degli Oranje. Finale di Mondiale davvero negativo.

CENTROCAMPISTI

I migliori. Regale il tedesco Schweinsteiger. Come una volta. E’ un leader fantastico, subisce tanti colpi per tutta la gara, ma stoicamente non molla mai. Goetze (Germania): è lui l’eroe della finale dei Mondiali. Subentra a Klose e segna uno splendido gol su assist di Schurrle decidendo la partita: entra nella storia. Favoloso l’olandese Wijnaldum. Dinamismo, qualità e il gol del definitivo 3-0 degli Oranje che seppellisce i brasiliani. Ancora una volta superbo Robben (attenzione potrebbe essere considerato un attaccante): mette a ferro e fuoco la difesa verdeoro e si procura un rigore dopo appena due minuti. Peccato per l’importante passaggio a vuoto nella semifinale contro l’Argentina, per il resto il suo è un Mondiale favoloso.

I peggiori. Male l’argentino Gago. Entra al posto di Perez, ma non convince. Prova assolutamente negativa per i brasiliani Paulinho Luiz Gustavo. Il primo è del tutto incapace di fare filtro. Il secondo è inghiottito dal centrocampo olandese. Gli subentra Fernandinho ma la sostanza non cambia.

ATTACCANTI

I migliori. Magnifico Schurrle (Germania). Entra dopo pochi minuti a causa dell’infortunio di Kramer, è in una condizione fisica straripante e obbliga a un super lavoro la difesa argentina. Suo il magnifico assist per il gol di Goetze. L’olandese Van Persie chiude il Mondiale come l’aveva iniziato: segna (questa volta su rigore) e disputa una buona gara.

I peggiori. Pur non avendo disputato una gara negativa, da Leo Messi ci si aspetta sempre che faccia la differenza: non è accaduto. Si consola con il premio di miglior giocatore del Mondiale 2014. Deludono gli argentini Higuain, Aguero, PalacioIl primo dopo pochi minuti fallisce un’occasione importante, segna ma è in evidente fuorigioco (giustamente annullato) e sembra troppo nervoso. Il giocatore del City subentra a Lavezzi e sbaglia parecchio. L’interista Palacio, subentrato a Higuain, ha l’occasione di portare la sua squadra in vantaggio nel primo tempo supplementare e probabilmente di chiudere il Mondiale, ma la spreca. E’ lontanissimo da quello visto con la maglia nerazzurra. Il brasiliano Jo è chiamato a sostituire il tanto criticato Fred, ma delude pure lui. Il suo compagno Hulk subentra nella ripresa a Ramires, ma la sua gara si può racchiudere in un tiro sbagliato o poco di più.

Spray per la barriera: la star dei Mondiali sbarca anche in Champions League