Pazzesco, ma non certo inaspettato. Alessandro Pittin da Cercivento, Friuli Venezia Giulia, 25 anni appena compiuti, riscrive la storia della disciplina in chiave italiana, almeno in una rassegna iridata (a Cinque Cerchi lo aveva già fatto) e va a conquistare, non a sorpresa, ribadiamo, una comunque clamorosa medaglia d’argento (la prima nella storia per l’Italia nella specialità) con rimonta grandiosa, al solito, nella prova di fondo, dopo una prestazione solida e forse inattesa, nel salto. Ha perso l’oro in volata, a quel punto stanchissimo, ma non poteva fare francamente di più, nei confronti di Rydzek. Ed è invece stato bravo anche tatticamente, provando a scappare nel finale, sull’ultima salita dell’anello da ripetere quattro volte. Dodicesimo posto di Runggaldier e grande prova complessiva degli italiani. E’ anche la prima medaglia a questi Mondiali di sci nordico 2015, in Svezia, per l’Italia, e arriva già al secondo giorno di gare.

GARA

L’oro nella prova che comprendeva anche la prova di salto dal trampolino piccolo, va appunto al tedesco Johannes Rydzek, partito benissimo quest’anno in Coppa del Mondo, il bronzo al francese pluri-titolato Jason Lamy Chappuis. Pittin si è dimostrato ancora una volta il migliore atleta nel prova di fondo, ma probabilmente questa medaglia l’ha conquistata grazie al suo tallone d’Achille, il salto.

CAMPIONATI MONDIALI FALUN 2015 -Combinata nordica, trampolino HS100+10 KM – RISULTATO FINALE

1. RYDZEK Johannes (GER) 26’38″9
2. PITTIN Alessandro (ITA) a 1″3
3. LAMY CHAPPUIS Jason (FRA) a 5″0
4. FRENZEL Eric (GER) a 6″1
5. KLEMETSEN Håvard (NOR) a 9″6