Il sardo c’è. Una prova di carattere per Fabio Aru che si è aggiudicato, staccando il gruppo nel finale, la terza tappa del Criterium del Delfinato, Boën sur Lignon-Tournon, 187,5 km di percorso mosso, ma non proprio una tappa di montagna adatta alle sue caratteristiche. Una vittoria praticamente inedita per lui e non accadeva dallo scorso 13 settembre quando si è aggiudicato la classifica generale della Vuelta.

TAPPA

Il successo di Aru è maturato sulla Cote de Secheras, con scollinamento a 21 km dall’arrivo. Sulla salita è partito dal gruppo Tony Martin che ha preso subito vantaggio. Alle spalle sono scattati al contrattacco prima Pierre Rolland, Tsagabu Grmay e poi Fabio Aru che ha preso l’iniziativa. Terminata la discesa seguente si è poi composto un gruppo con anche Mikel Landa, Thibaut Pinot, Luis Leon Sanchez, Pierre Rolland e il tedesco della Etixx-Quick Step. Quando il gruppetto sembrava destinato a essere riassorbito, il sardo dell’Astana, si è testato a 14,5 km dall’arrivo rilanciando l’azione e prendendo subito un centinaio di metri di vantaggio sugli attaccanti che nel frattempo, appunto, sono stati ripresi dal gruppo maglia gialla. Gli ultimi km tortuosi e in discesa Aru li ha fatti da solo. Fabio ha preceduto sul traguardo di 2″ Alexander Kristoff, Niccolò Bonifazio, Julian Alaphilippe e Edvald Boasson Hagen. Alberto Contador rimane in maglia gialla di leader della generale con 6″ di vantaggio su Richie Porte.

CLASSIFICA

1. Alberto Contador (Spa, Tinkoff) in 13.13’10″; 2. Richie Porte (Aus) a 6″; 3. Chris Froome (Gbr) a 13″; 4. D. Martin (Irl) a 21″; 5. Alaphilippe (Fra) a 24″; 6. Herrada (Spa) a 27″; 7. A. Yates (Gbr) a 31″; 8. Rosa a 37″; 9. Navarro (Spa) a 43″; 10. Mollema (Ola) a 48″.