Presentata in mattinata a Roma nella sala del Consiglio Federale della Figc durante un incontro alla presenza del presidente della Figc Carlo Tavecchio, il presidente dell’Associazione italiana arbitri Marcello Nicchi, l’ad di Eurovita Andrea Battista e una rappresentativa di arbitri internazionali composta da Daniele Orsato, Gianluca Rocchi e Paolo Tagliavento, la nuova sponsorizzazione arbitrale che con l’inizio del campionato di Serie A 2015-2016 vedrà la comparsa del marchio Eurovita Assicurazioni sulle maniche dei direttori di gara. Torna dunque dopo l’esperienza di una decina d’anni fa inaugurata da Ing Direct una nuova forma di sponsorizzazione anche per gli arbitri.

Le parti hanno siglato un accordo biennale sulla base di 1-1,2 milioni di euro e in questo primo anno di sponsorizzazione beneficeranno solamente i direttori di gara delle leghe professionistiche, poi per la stagione 2016-2017 la cosa sarà estesa a tutti i 35 mila fischietti dell’Aia. Il primo a parlare è stato Tavecchio che ha accolto l’iniziativa con entusiasmo: “Oggi è una cerimonia importante. Andiamo a toccare una maglia intonsa da anni. Siamo soddisfatti. Auguri a Eurovita per il suo investimento e sono sicuro che questo permetterà al presidente Nicchi di impegnare cifre per la crescita di un sistema altamente rappresentativo dell’eccellenza italiana“.

Il numero uno degli arbitri Nicchi ha sottolineato l’importanza di un’operazione che va a colmare un buco creato dal Coni: “L’accordo ci permette di recuperare gran parte di quello che eravamo costretti a diluire da quando il Coni ci ha dovuto tagliare le risorse. Devo ringraziare per questa opportunità che la federazione ci offre. Queste risorse non verranno sprecate: saranno tutte investite in formazione, crescita e miglioramento del sistema“.

Tagliavento ha ribadito invece l’importanza di una classe arbitrale eccellente come quella italiana che potrà ulteriormente migliorare tramite fiducia, finanziamenti e l’ausilio di tecnologie sempre più all’avanguardia: “Ci si aspetta sempre di migliorare e fare bene. Stiamo preparando la nuova stagione lavorando sodo e con grande applicazione. La Goal line technology? Se ci sarà, sarà un aiuto importante, la metodologia la vedremo quando ci raduneremo a Sportilia, poi saprò dire. Noi i migliori al mondo? Non siamo noi a dirlo ma i fatti“.