Carolina Kostner a 26 anni riesce ancora a regalare emozioni enormi sul ghiaccio, ma la concorrenza, soprattutto quella giovane, è sempre più qualificata e in crescita esponenziale. La più grande pattinatrice italiana di sempre finisce ancora una volta sul podio ai Campionati Europei di pattinaggio di figura, in corso di svolgimento a Budapest, nella prova individuale femminile, ma non riesce a rimontare nessuna posizione nel programma libero, dopo l’ottimo corto, e si deve accontentare della medaglia di bronzo dietro le inarrivabili Lipnitskaia (oro a 15 anni e all’esordio continentale!) e Sotnikova (17 anni), entrambe russe, predestinate ormai da anni, seppure giovanissime.

Julia Lipnitskaia da Ekaterinburg ha totalizzato il secondo punteggio più alto di sempre nella storia di questo sport (dietro ovviamente Kim Yu Na), 209.72 punti, rimontando dalla seconda posizione dopo il programma corto e superando di oltre sette lunghezze la connazionale, campionessa russa in carica, Adelina Sotnikova, da Mosca, bravissima comunque a scollinare oltre i 200 punti, con 202.36. Programma però sporcato all’inizio e sulla trottola finale quello di Sotnikova, mentre Carolina ha pattinato un ottimo disco per metà, con una caduta nella seconda parte  più altre imperfezioni qua e là. Anche senza la caduta, in ogni caso, difficilmente la vincitrice di cinque ori europei avrebbe raggiunto a quota sei una certa Katarina Witt. Alla fine la Kostner ha chiuso con 191.39, punti, comunque un signor punteggio che in passato le sarebbe valso tranquillamente l’oro. Risultato comunque storico per la squadra azzurra: sesta Valentina Marchei, 11esima Roberta Rodeghiero!

L’Italia è seconda nel medagliere con un oro e un bronzo, dietro la Russia (1 oro e 2 argenti).