Per un attimo, facciamo finta di non pensare a Parigi come città ferita (ma non abbattuta) dai bestiali artigli del terrorismo islamista, e proviamo a immaginarla per quello che sarà presto, tra qualche mese appena, la sede principale della più importante rassegna calcistica continentale, ovvero gli Europei 2016. Qui, sempre nella capitale francese, il prossimo 12 dicembre le 24 squadre qualificate al torneo verranno sorteggiate nei quattro gironi in cui si sfideranno la prossima estate. L’Italia di Antonio Conte, apparsa peraltro non troppo convincente nelle amichevoli contro Belgio e Romania, è stata inserita in seconda fascia, e tante grazie a Michel Platini e al suo discutibile ranking: scontato, dunque, l’abbinamento a una big europea e alta la probabilità di trovarsi un terzo incomodo piuttosto fastidioso in mezzo alle scatole. Va anche detto che si tratta del primo Europeo a 24 squadre, che prevede il passaggio del turno non solo delle prime due di ogni raggruppamento, ma anche delle migliori quattro terze (su sei): insomma, bisognerà mettercela tutta per non agguantare gli ottavi di finale.

Europei 2016, le quattro fasce

Fascia 1: Francia, Spagna, Germania, Inghilterra, Portogallo, Belgio
Fascia 2: ITALIA, Russia, Svizzera, Austria, Croazia, Ucraina
Fascia 3: Rep.Ceca, Svezia, Polonia, Romania, Slovacchia, Ungheria
Fascia 4: Turchia, Eire, Islanda, Galles, Albania, Irlanda del Nord

Proviamo a immaginare tre scenari per la nazionale azzurra, dal peggiore fino al migliore. Nell’ipotesi peggiore, l’Italia potrebbe essere sorteggiata con la Germania campione del mondo (ma la Spagna campione d’Europa sarebbe altrettanto dura da affrontare), con la Polonia di Lewandowski, che nelle qualificazioni è arrivata appena un punto dietro ai tedeschi, e la Turchia, nazionale in crisi ma pur sempre insidiosa nella sfida secca. Una soluzione più percorribile potrebbe essere quella con Portogallo (o Belgio), Svezia e Galles, mentre il sorteggio più benevolo possibile ci porterebbe in dote l’Inghilterra (big solo di nome), la sorpresa Ungheria e l’Irlanda del Nord. In quest’ultimo caso, il dovere azzurro sarebbe quello di centrare il primo posto.

Gli Europei 2016 inizieranno il prossimo 10 giugno, con il match inaugurale che vedrà protagonista la Francia a St Denis, e si concluderanno nel medesimo impianto un mese esatto più tardi, con la finalissima del 10 luglio.