Roma-Vilarreal 0-1, Fiorentina-Borussia Moenchengladbach 2-4. Due sconfitte per le italiane di Europa League con esiti opposti per le italiane di Europa League. I giallorossi proseguono la corsa agli ottavi di finale in virtù dello 0-4 dell’andata, la Fiorentina invece non riesce a conservare il gol di Bernardeschi messo a segno in Germania, crolla dopo essere stata in vantaggio 2-0 ed abbandona la competizione quando la qualificazione sembrava cosa fatta.

La Roma subisce il gol di Borré dopo 15′. L’attaccante colombiano approfitta di un clamoroso errore di Vermaelen e scarica in rete un destro che non lascia scampo ad Alisson. La Roma, pur deconcentrata dall’ampio margine di vantaggio ottenuto a Villarreal, non riesce a recuperare, ma si tratta pur sempre di una sconfitta indolore.

E’ cocente invece la sconfotta della Fiorentina. I viola partivano dal vantaggio dell’1-0 ottenuto in trasferta. Il solco viene scavato ancora di più da Kalinic, che conclude in rete un contropiede portto avanti da Bernardeschi, e Borja Valero, bravo a dfriittare una indecisione della difesa tedesca.

La qualificazione pare solo una formalità, ma è a questo punto che si scatena Stindl, il capitano del Moenchengladbach, che segna tre gol. Il primo su rigore al 44 del primo tempo, gli altri due ad inizio ripresa (2′ e 10)’ e al 15′ Christensen completa l’opera. Sembra un incubo, ma la Fiorentina è riuscita a rovinare tutto in 15′ di gioco.

Ilicic prende il posto di un fischiatissimo Bernardeschi e colpisce la traversa su punizione. Non basta. Finisce così. Fiorentina fuori, società ontestata da 400 tifosi all’esterno del Franchi.