Trasferta felice per la Fiorentina. In Azerbaigian strappa i tre punti, qualificandosi da prima nel girone.

PRIMO TEMPO

Viola subito determinati a imporsi e all’8’ Astori sfiora il bersaglio con un colpo di testa. Pressing alto, al 20’ viene ancora insidiato il portiere Sehic con una conclusione da fuori area. Bernardeschi è bravo a muoversi alle spalle di Babacar, proponendosi come punto d’appoggio per i centrocampisti. Alla mezz’ora Vecino sfiora il palo su punizione. Chi lo centra in pieno due minuti dopo è Ndlovu, al termine di un micidiale contropiede. Decisiva la deviazione di Tatarusanu. Conto dei pali pareggiato al 36’ da Bernardeschi, ben servito da Maxi Olivera.

SECONDO TEMPO

Pretende maggiore aggressività Paulo Sousa e dopo 5’ della ripresa inserisce Kalinic per Babacar, che dimostra di gradire poco. Continua a spingere la Fiorentina e al 15’ Vecino sorprende il portiere locale con un siluro da fuori area. Entrato da una decina di minuti, Reynaldo firma l’1-1, fulminando Tatarusanu con un diagonale. Toscani comunque determinati a uscire trionfatori e Federico Chiesa firma il nuovo sorpasso. Proprio Chiesa chiude tuttavia la sua notte magica in anticipo. Doppio giallo ed espulsione. Va alla ricerca del pareggio il Qarabag nelle ultime battute, ma la Fiorentina difende la posta.

QARABAG – FIORENTINA 1- 2
(primo tempo 0-0)
MARCATORI Vecino (F) al 15’, Reynaldo (Q) al 28’, Chiesa (F) al 31’ s.t.
QARABAG (4-1-4-1) Sehic; Gurbanov, Huseynov, Sadygov, Agolli; Garayev; Quintana, Amirguliyev (dal 17’ s.t. Reynaldo), Almeida, Muarem (dal 1’ s.t. Islayilov); Ndlovu (dal 26’ s.t. Madatov). All. Gurbanov.
FIORENTINA (4-4-1-1) Tatarusanu; Tomovic, Gonzalo Rodrigiez, Astori, Maxi Olivera; Chiesa, Badelj, Vecino, Cristoforo (dal 16’ s.t. Borja Valero); Bernardeschi (dal 36’ s.t. Sanchez); Babacar (dal 5’ s.t. Kalinic). All. Sousa.
ARBITRO Bebek (Croazia)
NOTE Spettatori 15.000 circa. Angoli: 2-2. Ammoniti: Gurbanov (Q). Espulsi: Chiesa (F) per doppia ammonizione