Messa da parte la cocente delusione per non essere riuscita a superare il preliminare di Champions, la Roma riparte dal Viktoria Plzen per il suo debutto in Europa League. Il tecnico giallorosso Luciano Spalletti è intervenuto oggi nella conferenza stampa della vigilia: «La Champions è la competizione più pregiata e importante. L’Europa League sta sotto ma resta importante e ridiventa bellissima se riusciamo ad andare avanti . In questo momento il paragone stride, ma se riusciamo ad accedere alle fasi finale diventerà altrettanto stimolante e bellissimo. Noi ci dobbiamo tenere proprio per quello che ci è successo».

Uno dei punti deboli di questa Roma d’inizio stagione è senza dubbio la difesa, che nelle ultime uscite è sembrata davvero troppo insicura. Un dato statistico rivela che nelle precedenti 32 partite europee, la squadra giallorossa ha incassato addirittura 31 gol: «In difesa dobbiamo migliorare. Siamo stati costretti a cambiare spesso giocatori, alcuni sono arrivati all’ultimo momento. Nonostante questo, dobbiamo fare meglio. £ uno dei reparti su cui stiamo lavorando forte, vogliamo metterlo a posto. Domani ci sarà la possibilità di avere altri giocatori nuovi, come Fazio. È un buon calciatore. Gli ho dato poco spazio ma nel contesto della partita non sarà affamatissimo con gli altri avendo giocato poco. La difesa sarà nuova per certi aspetti».

Irrinunciabile la domanda dei giornalisti su Francesco Totti, specialmente dopo la strepitosa prestazione di domenica scorsa: «Non posso promettere niente, sarà la partita a dire quello che succederà. Ho diversi calciatori forti, non soltanto lui. Francesco è un giocatore forte, che si può definire un genio del calcio. È sempre un piacere vederlo, c’è il fatto dell’età che ha».