Con l’ultima tornata di sfide viene completato il quadro con tutte le 24 squadre che si qualificano per i sedicesimi di finale di Europa League in programma per il prossimo 18 febbraio, alle quali si aggiungono gli 8 club “retrocessi” dai gironi di qualificazione di Champions League. L’ultima per le italiane ad accedere alla fase a eliminazione diretta della competizione Europea dopo Napoli e Lazio, è stata la Fiorentina che vincendo al Franchi contro il Belenenses giunge seconda in classifca nel Gruppo I totalizzando 10 punti, dietro alla capolista Basilea a quota 13.

Stupisce, su tutte, l’eliminazione di una blasonata a livello internazionale come l’Ajax che nel Gruppo A pareggiando nella sfida interna contro il Molde subisce un clamoroso smacco di fronte all’importante pubblico europeo, regalando quasi su un piatto d’argento la qualificazione al Fenerbahçe che a sua volta ha impattato il match di Instanbul contro il Celtic già fuori dai giochi.

Altra sorpresa (ma per l’intero andamento del girone neppure più di tanto) è stata l’eliminazione del Monaco, club che nell’ultimo anno, dopo la retrocessione in Ligue2, si era particolarmente distinto in campo europeo raggiungendo i quarti di finale di Champions League (eliminato dalla Juventus). Fatale la sconfitta di larga misura contro il Tottenham e, contemporaneamente, il successo dell’Anderlecht sugli azeri del Qarabag.

Tutto secondo copione nei rimanenti gruppi di qualificazione, ad eccezione dell’eliminazione del Dnipro, finalista in Europa League durante la scorsa stagione e, al limite, della mancata qualificazione del Rubin Kazan, club che si è sempre comportato bene in Europa negli ultimi anni, a vantaggio del sorprendente Sion, culminato alle spalle del Liverpool di un solo punto (pareggiando per 0-0 proprio con i Reds nello scontro diretto) nel Gruppo B. Il Borussia Dortmund, sconfitto al Signal Iduna Park dal Paok, fallisce invece l’obiettivo di giungere al primo posto in classifica nel Gruppo C a favore dei russi del Krasnodar, vincenti in Azerbaigian col Qabala per 3-0.