Decimo titolo in carriera per Rafael Benitez, il tecnico del Chelsea fresco di Europa League.

In passato si era imposto con il Valencia, dove aveva vinto per due volte la Liga (2001-02 e 2003-04) e una la Coppa Uefa (2003-04), poi al Liverpool, con una Champions League (2004-05 dopo la storica rimonta sul Milan a Istanbul) e altre tre coppe (FA Cup, Community Shield e Supercoppe d’Europa) e quindi all’Inter, con una Supercoppa Italiana e un Mondiale Club, poi fallito alla guida dello stesso Chelsea.

Il tecnico spagnolo sembra però avere le valigie pronte e probabilmente dovrà far posto a José Mourinho. All’Inter era stato invece lui a proseguire il lavoro iniziato dal portoghese.

La statistica più clamorosa è però un’altra: il Chelsea si sta sempre più specializzando come club che si separa dai suoi allenatori dopo un trofeo vinto.

Mourinho ne aveva vinti addirittura due (FA Cup e Coppa di Lega) nel 2007, quando scelse di andare all’Inter. Poi è toccato a Roberto Di Matteo, non confermato dopo la Champions League vinta in casa del Bayern Monaco dodici mesi fa e ora ci sarebbe Benitez. Era capitato anche a Guus Hiddink (via dopo l’FA Cup del 1999) ma più indietro anche a Gianluca Vialli, che nel 2000 aveva vinto FA Cup e Community Shield ma fu liquidato il 12 settembre della stagione successiva.

Panchina bollente, quindi, quella del Chelsea: a Roman Abramovich (nel 2000 c’era però ancora Ken Bates) vincere non basta…

Foto: Infophoto.