Scontri interessanti e importanti quelli degli ottavi di finale di Europa League che vedranno, dopo il ritorno, la caduta di teste prestigiose come esito di tali affascinantissime sfide. Nel quadro generale dell’andata in cui solo Lazio e Siviglia, la due volte detentrice del trofeo, hanno pareggiato, rispettivamente a Praga contro lo Sparta (1-1, con Parolo che ha riequilibrato le sorti dopo il gol di Frydek) e a Basilea contro l’omonimo club svizzero (0-0) lo Shakthar ha vinto a Donetsk per 3-1 contro l’Anderlecht, il Fenerbahçe ha sconfitto in Turchia di misura il Braga per 1-0, stesso risultato per il derby iberico tra Athletic Bilbao e Valencia, l’altra spagnola, il Villareal ha regolato il Bayer Leverkusen per 2-0, mentre per quanto riguarda le sfide più interessanti, quelle tra Borussia Dortmund e Tottenham e tra Liverpool e Manchester United, il Dortmund e i Reds si sono imposti rispettivamente per 3-0 e 2-0.

Il Tottenham, giustiziere implacabile della Fiorentina, non è dunque riuscito neppure a scalfire il “muro giallo” del Westfalenstadion a Dortmund poiché la squadra allenata da Tuchel (successore di Klopp), che viaggia benissimo in Bundesliga a ridosso del Bayern Monaco di “soli” 5 punti (quasi un record negli ultimi anni), ha letteralmente dominato gli inglesi con un gioco perfetto. Le trame a orologeria dei tedeschi di Westfalia non ha lasciato scampo al club del Nord di Londra andando a segno per ben tre volte mediante azioni che hanno ubriacato la difesa inglese. Reus, inizialmente partito in sordina, ha poi firmato una doppietta grazie però ai movimenti e ai passaggi di cartesiana precisione da parte di Aubameyang, Mkhitaryan e Castro. Il Tottenham, abulico e quasi incapace di reagire, frastornato dal gioco del Dortmund ha espresso poco o nulla e a nulla sono valsi gli ingressi nel secondo tempo di Lamela e Harry Kane. Durissimo il ritorno a White Hart Lane per gli uomini di Pochettino.

Grandi emozioni anche per quanto riguarda il derby d’Inghilterra tra Liverpool e Manchester United che si sono quasi divisi i tempi di gioco perché nella prima frazione, a fronte di un Liverpool con una marcia decisamente in più, si è ritrovato un ManUtd, con tutti i problemi di stagione riscontrati (non ultimo l’infortunio di Wayne Rooney), alquanto confuso e in enorme difficoltà nell’impostare la manovra. Coutinho, giocatore la cui crescita negli ultimi anni in Premier è stata impressionnate, Firmino, Sturridge e Lallana hanno messo in costante subbuglio la difesa dei Red Devils, troppo spesso recintati nella loro metà campo. Alla rete di Sturridge su rigore al 20′ non hanno saputo controbattere nonostante una veemente reazione nel secondo tempo, quando la squadra di Van Gaal ha preso finalmente in mano le redini del match ma senza riuscire a creare pericoli reali per la porta di Mignolet. Ci ha pensato anzi Firmino al 73′ al culmine di una sontuosa discesa di Henderson, per un Liverpool tornato a esercitare pressione, a chiudere i giochi su un 2-0 che ha decisamente complicato il percorso del Manchester Utd.

Il quadro completo dei risultati dell’andata degli ottavi di finale di Europa League

Shakhtar Donetsk – Anderlecht 3-1

Basilea – Siviglia 0-0

Borussia Dortmund – Tottenham 3-0

Fenerbahçe – Braga 0-0

Villareal – Bayer leverkusen 2-0

Athletic Bilbao – Valencia 1-0

Liverpool – Manchester United 2-0

Sparta Praga – Lazio 1-1