La penultima giornata dei gironi di Europa League, per le squadre italiane, si chiude con il sorriso. Tre delle quattro squadre in corsa, vale a dire Inter, Fiorentina e Napoli, hanno infatti ottenuto la promozione matematica al turno successivo, mentre il Torino, fermato sullo 0-0 in casa dal Bruges, dovrà aspettare l’ultima gara del suo raggruppamento per unirsi alle tre già citate. Anche se ai granata basterà un solo punto per qualificarsi ai sedicesimi di finale di Europa League.

Primati per Inter e Fiorentina

Bene Inter e Fiorentina, che hanno battuto rispettivamente Dnipro e Guingamp per 2-1 chiudendo al primo posto il loro girone. Questo consentirà alle due formazioni italiane di avere un sorteggio più agevole in vista delle gare di marzo, quando inizierà la fase ad eliminazione diretta. La squadra nerazzurra ha concesso al suo allenatore Roberto Mancini la prima vittoria della sua nuova vita nerazzurra: l’ex tecnico del Manchester City, comunque, ha dovuto seguire la sfida dalla tribuna, in quanto sta scontando ancora la squalifica rimediata contro il Galatasaray in Champions League. L’Inter, però, ancora una volta non ha convinto: troppi errori difensivi, amnesie incredibili, poca inventiva in fase d’attacco. Mancini avrà molto da lavorare, considerando soprattutto che gli avversari erano passati per primi in vantaggio e che solo una prodezza di Handanovic, al quinto rigore parato in stagione, non ha portato lo svantaggio sullo 0-2. Da lì il pareggio di Kuzmanovic e il gol del 2-1 di Osvaldo, quando la squadra era rimasta in dieci per l’espulsione di Ranocchia. Ancora ko Nagatomo (lussazione alla spalla destra) ed Hernanes (problemi all’adduttore destro). Ampio turnover per la Fiorentina di Montella, che ha chiuso la pratica Guingamp con le reti di Marin e Babacar.

Napoli e Torino rivedibili

Rinviate alla prossima gara sia Napoli che Torino. I partenopei hanno chiuso sullo 0-0 la trasferta in Repubblica Ceca sul campo dello Sparta Praga, ma Benitez ha dovuto far fronte ad una prova molto brutta offerta da Higuain in attacco e una prova ancora peggiore, se possibile, della difesa, che ha concesso fin troppo agli avversari. Unica nota positiva, la qualificazione ottenuta con una giornata di anticipo. Se al San Paolo contro lo Slovan Bratislava, ultimo nel raggruppamento e ancora a zero punti, il Napoli vincerà, ci saranno ottime possibilità di chiudere al primo posto il girone. Infine il Torino, forse la squadra più in difficoltà, in questo momento, delle quattro italiane: lo 0-0 in casa contro il Bruges, formazione comunque in testa al campionato belga e soprattutto con una sola sconfitta finora in stagione, ha dimostrato comunque una squadra in ripresa e che può sicuramente dire la sua in chiave qualificazione. Per il passaggio del turno, infatti, il Torino dovrà vincere l’ultima partita del girone in casa del Copenhagen già eliminato. Anche se potrebbe persino bastare un pareggio.