Chiude con lo 0-0 a Bucarest il primo atto della Roma in Europa League. Assieme ai giallorossi stacca il pass per i sedicesimi proprio l’Astra, grazie al contemporaneo 3-2 del Viktoria Plzen sull’Austria Vienna.

PRIMO TEMPO

Niente sarà in palio, eppure Spalletti desidera fare bella figura. Pur lasciando a casa mezza squadra, si gioca anche carte importanti come Strootman ed Emerson, mentre i giovani restano tutti in panchina. La partita è comunque brutta, tanto che il fatto di maggior nota sono i disordini che scoppiano al 25′ nel settore ospite. Velleitarie le conclusioni di Gerson, Totti e Iturbe, l’Astra crea qualche pericolo sul finale di primo tempo, con Alisson che ben risponde ad Alibec e Filipe Teixeira, tuttavia in fuorigioco.

SECONDO TEMPO

Continuamente invertiti Seck ed Emerson, proprio da un errore da ultimo uomo del brasiliano la Roma rischia: Alibec al 5′ gli ruba palla e beffa Alisson in uscita, ma il gol viene annullato per una precedente trattenuta nel contrasto del romeno con lo stesso Emerson. Poi la partita si riaddormenta, vivendo di fiammate. Sfiorato il palo da Nainggolan, arrivano le notizie sperate dall’altro campo e nessuno vuole scoprirsi. Finisce così sull’occasione divorata da Itube al 90’. Totti e compagni torneranno nella capitale, pronti a ospitare lunedì il Milan.

ASTRA GIURGIU-ROMA 0-0
ASTRA GIURGIU (5-3-1-1) Lung; Stan, Oros, Sapunaru, Fabricio (dal 27′ s.t. Florea), Nicoara; Seto, Lovin, Filipe Teixeira; Budescu (dal 43′ s.t. Boubacar); Alibec (dal 45′ s.t. Niculae) (Gavrilas, Moise, Ionita, Gheorghe). All. Sumudica.
ROMA (4-3-3) Alisson; Bruno Peres, Vermaelen, Juan Jesus, Seck; Emerson (dal 44′ s.t. Marchizza), Strootman (dal 25′ s.t. Nainggolan), Gerson; Iturbe, Totti, El Shaarawy (dal 25′ s.t. Dzeko) (Szczesny, De Santis, Franchi, Frattesi). All. Spalletti.
ARBITRO Gocek (Tur).
NOTE Spettatori diecimila circa. Ammoniti Lovin e Boubacar per gioco scorretto, Alibec per proteste. Recuperi: 1′ p.t., 4′ s.t..