Proprio nei giorni in cui sbarca in Italia Mario Balotelli e l’immancabile codazzo di groupie schiamazzanti, una scelta controcorrente scuote il mondo della pallacanestro. Ibrahim Jaaber (foto by InfoPhoto), guardia americana ex Roma e Milano, attualmente in forza allo Zalgiris Kaunas, ha deciso di lasciare la squadra lituana, inserita nel girone E delle Top 16 di Eurolega, e il basket europeo in generale a causa dell’eccesso di sex-appeal delle cheerleader.

Musulmano praticante, Jaaber ha comunicato la sua decisione con una lettera aperta al club, alla base della quale c’è l’impossibilità di sposare le sue convinzioni religiose con la presenza delle conturbanti ragazze pon-pon lituane, che allietano le cornee degli spettatori negli intervalli delle partite. Inoltre, non risultano graditi allo zelante cestista anche i cartelloni pubblicitari presenti a bordocampo e gli sponsor sulle magliette – ovvero, quelle robette che consentono ai club di tutto il mondo di pagare gli stipendi ai giocatori come lui – perché, immaginiamo, promuovono prodotti non in linea con i dettami del Corano.

Solo qualche anno fa, nel 2009, aveva rinunciato agli Europei di basket perché in concomitanza con il Ramadan: di certo, Ibby non difetta di coerenza.