E venne il giorno di una grande classica che non può non essere considerata una rivincita perché Italia e Spagna tornano ad affrontarsi dopo 4 anni, ovvero dopo l’atto finale degli Europei del 2012 in Polonia-Ucraina quando le furie rosse ci disintegrarono a Kiev al culmine di un torneo nel quale gli azzurri avevano dato tutto. Questa volta allo Stade de France di Saint-Denis si tratterà “solo” di un ottavo di finale, ma in quanto ad agonismo non cambierà assolutamente nulla perché la voglia e il desiderio è solo quello di sconfiggere l’avversario, sia per senso di rivalsa, da parte nostra, sia perché c’è l’esigenza di sbarazzarsi da subito di un cattivo cliente, da parte degli spagnoli.

Antonio Conte non deflette dal modulo chiave di questi Europei francesi, un 3-5-2 che oltre alle garanzie difensive consente di essere anche molto pericolosi in attacco con sovrapposizioni multiple tra ali e terzini e inserimenti dei centrocampisti. E allora ecco davanti a Buffon lo schieramento della BBC Barzagli, Bonucci e Chiellini con il rientrante De Rossi a centrocampo insieme a Giaccherini e Parolo (ancora in dubbio Candreva per via del problema agli adduttori), sull’esterno ci saranno Florenzi a sinistra e Darmian a destra, ma al posto di quest’ultimo potrebbe anche giocare De Sciglio, che si invertirebbe con Florenzi. Davanti il tandem, almeno iniziale, sarà Pellè-Eder.

Del Bosque insiste sul fattore difesa degli azzurri e predispone un modulo a trazione anteriore ma che sappia anche arginare la pericolosità della nostra nazionale in transizione. La linea difensiva sarà a quattro con Piqué e Ramos centrali e Juanfran e Jordi Alba sui lati. Poi ci sarà una mediana composta da Busquets e Fabregas con Iniesta che signoreggerà al solito dal centrocampo in su. Silva e Nolito agiranno da esterni d’attacco mentre il ruolo di punta centrale è affidato inderogabilmente ad Alvaro Morata.

Italia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Parolo, De Rossi, Giaccherini, Florenzi; Pellé, Eder. All. Conte.

Spagna (4-2-3-1): De Gea; Juanfran, Piqué, Sergio Ramos, Jordi Alba; Busquets, Fabregas; Silva, Iniesta, Nolito; Morata. All. Del Bosque.