Andrés Iniesta, regista della nazionale spagnola e del Barcellona, invita i suoi tifosi ad avere fiducia nelle furie rosse, nonostante la brutta sconfitta rimediata ieri sera, che costringerà lui e i suoi compagni ad affrontare l’Italia negli ottavi di finale in programma lunedì sera: «Contro l’Italia dobbiamo giocare con convinzione, l’obiettivo è di continuare a farlo come sappiamo, in modo da raggiungere la qualificazione. Noi siamo la Spagna». Parole cariche d’orgoglio, che probabilmente hanno il compito sia di rassicurare la tifoseria che risvegliare i suoi compagni di squadra, apparsi un po’ appannati nella partita di ieri.

Proprio a proposito della sconfitta di Bordeaux contro la Croazia, Iniesta ha rilasciato alcune dichiarazioni: «Siamo andati a cercare il gol e i nostri avversari ci hanno preso alla sprovvista. Non sarebbe dovuto accadere, ma sono cose che succedono nel calcio – ha detto il centrocampista -. La partita contro la Croazia non è andata come avremmo voluto, ma ci siamo qualificati per gli ottavi e questo è ciò che deve renderci fiduciosi per il futuro a breve termine». Iniesta, che in carriera ha vinto tantissimo e segnato addirittura il gol decisivo per la vittoria del mondiale nel 2010, non ha assolutamente intenzione di alzare bandiera bianca, anzi: «Nel calcio – ha concluso – non sempre le cose vanno bene, però bisogna essere capaci di voltare pagina. E’ vero siamo nella parte più difficile del tabellone, ma noi siamo la Spagna e dobbiamo rimanere fiduciosi. Per adesso godiamoci la qualificazione, poi penseremo all’Italia».

Come dicevamo in apertura di articolo, Andrés Iniesta nella sua carriera ha vinto tantissimo: 8 campionati spagnoli, 6 Supercoppe di Spagna, 4 Coppe di Spagna, addirittura 4 Champions League, 3 Supercoppe Uefa, 3 Mondiali per club, tutto con la maglia del Barcellona. Con quella della nazionale iberica invece ha conquistato 2 Europei e un mondiale, segnando addirittura il gol decisivo.
Una carriera impressionante, che non si può certo lasciare intimidire da una partita persa…