Nessuno ha dimenticato gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, quando un commando dell’Isis ha fatto strage di civili in zone diverse della città contemporaneamente, tra cui lo Stade de France, teatro dell’amichevole Francia-Germania. E di certo non se l’è dimenticato l’UEFA, che da quel giorno convive con l’incubo di possibili attacchi durante Euro 2016. Per far fronte a eventuali atti terroristici (o minacce realistiche), i responsabili della sicurezza del prossimo campionato europeo hanno messo a punto un piano di emergenza che prevede la possibilità di spostare in altra sede le partite, o addirittura di farle disputare a porte chiuse.

Al momento non siamo a conoscenza di minacce specifiche“, ha spiegato una fonte interna alla Federazione, “ma vogliamo comunque essere preparati a tutto. Lavoriamo su scenari multipli, inclusa la possibilità di rinviare le partite, dirottarle in altri impianti o farle disputare senza pubblico sugli spalti. Siamo sicuri che queste misure garantiranno un Europeo sicuro e festoso. Prendiamo molto seriamente la questione della sicurezza di tutti i partecipanti – giocatori e tifosi – molto seriamente”

In questo momento è impossibile quantificare le possibilità che una o più gare di Euro 2016 si disputino effettivamente senza spettatori, o che il calendario della competizione venga in qualche modo alterato. L’allarme terrorismo è all’ordine del giorno in qualunque manifestazione sportiva dopo le Olimpiadi di Monaco del ’72, quando Settembre Nero pianificò il rapimento e l’uccisione di 11 atleti israeliani (morì anche un poliziotto tedesco), ma in questo caso la tensione è massima a causa della particolare situazione della Francia, ancora ferita per i fatti di novembre ed esposta più di altri paesi a possibili infiltrazioni del terrorismo islamista, come anche gli attacchi a Charlie Hebdo del gennaio 2015 avevano palesato. Le minacce dell’Isis dopo le stragi di Parigi (“la Francia non avrà pace”) hanno ulteriormente rafforzato l’idea che non è possibile in nessun modo abbassare la guardia. E all’inizio del torneo mancano solo 100 giorni.