Weekend infarcito di sfide europee poiché sabato 25 giugno è il giorno in cui cominciano ufficialmente la fase a eliminazione diretta di Euro 2016 dopo le qualificazioni nei sei gruppi a quattro squadre nei quali hanno avuto accesso agli ottavi di finale le nazionali piazzatesi nei primi due posti della classifica di gruppo e le migliori terze dei gironi. Un totale di 6 partite in questo fine settimana e le 2 rimanenti, tra le quali Italia-Spagna, in programma lunedì 27 giugno.

Si comincia appunto sabato con lo scontro mitteleuropeo tra Svizzera e Polonia, con la nazionale rossocrociata piazzatasi al secondo posto dietro la Francia nel Gruppo A e la Polonia, ugualmente seconda ma a pari punti con la Germania nel Gruppo C. Due nazionali piuttosto diverse tra loro con la Svizzera di Petkovic sfrontatamente offensiva ma anche attenta in difesa e la Polonia di Nawalka più compatta, ordinata e pericolosa in ripartenza grazie a due centravanti di razza pura come Lewandowski e Milik. Direzione di gara affidata all’inglese Mark Clattenburg.

Alle 18 è la volta della sfida tutta britannica tra il Galles di Coleman, piazzatosi sorprendentemente al primo posto nel Gruppo B, davanti ai rivali d’Inghilterra, e l’Irlanda del Nord di O’Neill, ripescata come migliore terza nel Gruppo C. Anche in questo caso due compagini profondamente differenti con un Galles ricco di talenti, da Allen a Ramsey, da Bale a Robson-Kanu, pericolosissimo negli ultimi 16 metri e l’Irlanda del Nord farraginosa e disordinata in fase di costruzione ma maestra nello spezzettare il gioco avversario e pronta a colpire nelle situazioni di palla inattiva. Arbitrerà, neanche a farlo apposta, un altro inglese: Martin Atkinson.

In serata alle 21 l’ottavo di finale decisamente più interessante della giornata, quando allo Stade Bollaert-Delelis di Lens si incroceranno Croazia e Portogallo, rispettivamente prima e terza nei Gruppi D e F. Due nazionali forti e temibili con la Croazia nettamente più squadra in tutto. Grande solidità difensiva, qualità da vendere a centrocampo e molta concretezza in fase realizzativa. Portogallo fucina di talenti naturali che però fa fatica a trovare il giusto amalgama tra le individualità, ma che può vantare uno come Cristiano Ronaldo che da solo sposta, come si suol dire, gli equilibri. Attenzione ai precedenti tra le due nazionali: solo 3 e tutti vinti dal Portogallo con un borsino di 6 gol a 0. Arbitro della partita, lo spagnolo Carlos Velasco Carballo.

Ottavi di finale di sabato 25 giugno 2016

ore 15, Stade Geoffroy Guichard, Saint-Etienne: Svizzera – Portogallo

ore 18, Parc des Princes, Parigi: Galles – Irlanda del Nord

ore 21, Stade Bollaert-Delelis, Lens: Croazia – Portogallo