Un’Inter galvanizzata e rigenerata dopo il 3 a 0 contro il Genoa di settimana scorsa affronta oggi, nell’anticipo delle 18.00, un non irresistibile Empoli di Mister Sarri, che attualmente galleggia di poco sopra la zona retrocessione. I nerazzurri hanno assolutamente bisogno di non sbagliare nemmeno un match visto l’importante investimento fatto durante il mercato invernale con gli acquisti di prima fascia Podolski e Shaqiri, e altri nomi che potrebbero accasarsi a Milano.

EMPOLI Di fronte alla porta protetta da Sepe ci sarà la consueta difesa a quattro composta da Rugani e il rientrante Tonelli, e sugli esterni i terzini Laurini, che sostituisce lo squalificato Mario Rui, e Hysaj. Sulla linea di mediana ci saranno invece Croce, Valdifiori e Vecino. In avanti la coppia composta da Maccarone e uno fra Tavano e Pucciarelli, con l’ex Livorno che sembra in vantaggio per una maglia da titolare. Dietro ai due attaccanti prenderà posto nel ruolo di rifinitore uno fra Verdi e Zielinski.

INTER Fra i pali Handanovic. Difesa a quattro composta da Campagnaro e D’Ambrosio sugli esterni e in mezzo la coppia Andreolli-Vidic già collaudata contro il Genoa, vista l’assenza di Juan Jesus per squalifica (3 turni, respinto ricorso), mentre Ranocchia dovrebbe accomodarsi in panchina, segno che per mister Mancini il centrale non è un “intoccabile” come lo era per l’ex Mazzarri. A centrocampo con molta probabilità verranno schierati Guarin e Medel a fare da frangiflutti davanti alla difesa. In avanti, dietro alla super confermata punta di diamante Icardi, Mancini punterà su Podolski a sinistra, sul rientrante Kovacic a destra, in vantaggio nel ballottaggio con Hernanes, mentre dietro all’argentino dovrebbe esserci Palacio, che non deve essere operato. Osvaldo, ormai corpo estraneo del gruppo, non è stato ancora convocato, mentre il neo-acquisto Shaqiri parte dalla panchina: Mancini ha fatto sapere che lo svizzero non ha i 90 minuti nelle gambe.

EMPOLI (4-3-1-2) Sepe; Laurini, Rugani, Tonelli, Hysaj; Croce, Valdifiori, Vecino; Verdi, Tavano, Maccarone. All. Sarri

INTER (4-2-3-1) Handanovic; D’Ambrosio, Andreolli, Vidic, Campagnaro; Guarin, Medel; Podoslki, Palacio, Kovacic; Icardi. All. Mancini