Entrare nel Guiness dei Primati non è mai stata impresa facile, neanche nello sport e c’è chi si sceglie il campo o la disciplina più congeniale come la nazionale di calcio della Micronesia che, naturalmente suo malgrado – pena la squalifica -, riesce a perdere contro le Isole Fiji con il risultato sconcertante di 38-0, stabilendo in tal modo il primato negativo a livello planetario di reti subite in una partita di calcio ufficiale.

L’occasione del match è stata quella dei Pacific Games, una sorta di Olimpiadi del Pacifico che include tra gli altri sport anche un torneo di calcio nel quale dal 1963 (data della prima edizione) si sfidano ogni quattro anni le nazionali dei Paesi dell’Oceano Pacifico. Nella precedente edizione del 2011 in Nuova Caledonia era stata proprio la nazionale di casa a trionfare  aggiudicandosi la medaglia d’oro sconfiggendo in finale le Isole Solomon.

Nell’attuale edizione a Port Moresby in Papua Nuova Guinea, la nazionale della microregione dell’Oceania composta da centinaia di piccole isole, nota come Micronesia aveva già preso ben 30 sberle qualche giorno fa nel confronto con la nazionale di Thaiti, rimanendo però per un solo gol al di qua del record stabilito delle 31 segnature al passivo, surclassato poi nell’ormai celebre match contro le Fiji.

La nazionale delle Isole Fiji, una sorta di rappresentativa olimpica under 23 – come succede per le altre nazioni – conduceva nel suo secondo match del girone per 21-0 all’intervallo contro la Micronesia. Nella seconda frazione di gioco sono arrivate altre 17 pesanti segnature con Antonio Tuivuna, eroe della partita – se così si può definire – con 10 reti messe a segno.