Doumbia attacca i tifosi della Roma e Rudi Garcia. L’attaccante ivoriano si gode lo straordinario magic moment vissuto alla Cska Mosca, condito da gol a raffica in campionato e Champions League, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa in una intervista rilasciata al sito Jeuneafrique.

Doumbia, attualmente impegnato con la Costa d’Avorio, ha ricordato il primo periodo vissuto nella Capitale e le grandi difficoltà incontrate a causa di una precisa scelta di Rudi GArcia.

‘Ero appena tornato dalla Coppa d’Africa, Garcia decise di buttarmi in campo nonostante non fossi al massimo della condizione. Le prime partite non andarono bene, il pubblicò iniziò a fischiarmi già dalla prima partita e da lì sempre peggio’.

Doumbia, terminata l’esperienza giallorossa (13 presenze, 2 gol) è ritornato alla Cska Mosca in prestito: ‘Ma non sarò più un calciatore della Roma, non ho intenzione di tornare, è stata una esperienza troppo negativa. Ho lasciato il campionato russo perché pensavo che fosse ore di provare un torneo differente (Doumbia ha giocato anche in Giappone e Svizzera). Avevo diverse richieste, ma alla fine scelsi Roma perché lì c’era Gervinho ed un allenatore francese’.

Aspettative deluse a colpi di prove con molte ombre e poche luci. Il ritorno alla Cska Mosca ha riconsegnato però a Doumbia il fiuto del gol. 11 partite (7 di campionato e 4 di Champions) e 9 gol (4 nel torneo russo e 5 in Europa).

‘Alla Cska mi sento a casa, avevo bisogno di giocare con continuità per non perdere la convocazione in Nazionale. Sono andato via per 6 mesi, ma è come se fossi rimasto sempre lì’.