Si chiama Becky Hammon e, da oggi, donna fa di nuovo rima con Nba. Dopo 12 anni, Tanto è passato dall’ultima allenatrice nel campionato professionistico maschile di basket americano, tale Lisa Boyer, nel 2002 nello staff dei Cleveland Cavaliers, ma a cui veniva negato il viaggio insieme alla squadra perché all’epoca le regole Nba prevedevano soltanto due assistenti in panchina.

Becky Hammon potrà tranquillamente salire su pullman o aereo dei San Antonio Spurs: sarà infatti assistant coach di Gregg Popovich che, dopo Ettore Messina, ha voluto anche una presenza femminile in squadra. Becky di parquet ne ha calpestati eccome. Ha vinto un bronzo olimpico con la Russia nel 2008, grazie alla doppia cittadinanza ottenuta quello stesso anno. E’ stata primatista negli assist (112) e triple realizzate (493) nella storia del suo club.

Per cinque volte, è stata nominata miglior tiratrice di liberi della Wnba, il campionato professionistico femminile di basket Usa, negli otto anni in cui ha militato nei San Antonio Stars. E Popovich l’ha scelta per queste qualità, non certo per qualche quota rosa. I campioni in carica hanno deciso di rinnovare lo staff per vincere ancora. Becky Hammon, a proposito, è tuttora in attività, ma ha deciso di ritirarsi a fine stagione.