Donnarumma firma un quinquennale con il Milan. Alla fine la querelle dell’estate si è risolta con un ‘vissero tutti felici e contenti’, o quasi, visto che non mancano i tifosi rossoneri che lamentano una vittoria di Mino Raiola, che alla fine ha strappato condizioni assai più favorevoli rispetto alla prima offerta di Fassone e Mirabelli.

Donnarumma guadagnerà sei milioni a stagione, il Milan si è impegnato a riacquistare anche il fratello Antonio (27enne, cresciuto nel settore giovanile rossonero e che dopo aver girovagato tornerà a fare il terzo portiere con ingaggio di un milioncino a stagione). Inserita anche una doppia clausola rescissoria: una da 100 milioni nel caso il Milan si qualificasse per la Champions League ed una da 50 se restasse fuori dalla competizione.

“Donnarumma è come la tipa che ti ha tradito con cui torni insieme, ma che non riesci più a guardare negli occhi mentre fai l’amore”, commenta un tifoso rossero su Twitter. “Certamente il rapporto è cambiato, prima era il nostro Gigio, ora è il 99/Donnarumma”, cinguetta un altro. Non manca chi fa uso d’ironia: “Vorrei dire a Donnarumma che io sarei un ottimo fratello: c’ho sempre ‘na biretta in fresco, reggo er gioco e je posso guardà i regazzini”.

Non manca chi tira un sospiro di sollievo e sottolineo lo scampato pericolo (almeno per il momento) di veder Donnarumma alla Juventus, che ora se vorrà acquistarlo dovrà sborsare i soldi della clausola. Secondo alcune indiscrezioni, il portiere nelle ultime settimane avrebbe rifiutato un ingaggio del Psg da 13 milioni di euro l’anno.