Piovono bombe sulla Donbass Arena, il nuovissimo stadio dello Shakhtar di Donetsk. I ribelli filorussi hanno bombardato l’impianto, danneggiandolo pesantemente e provocando la morte di tre persone. Siamo insomma tra la cronaca calcistica e quella nera, nerissima. La guerra è arrivata anche sul campo sportivo, costruito nel 2012 in occasione degli Europei in Polonia e Ucraina.

Si contano danni ingenti in particolare alle attrezzature e alla facciata nord-ovest dello stadio. Le deflagrazioni hanno causato la morte di tre civili che stavano aspettando l’autobus. Solo successivamente, la roccaforte filorussa è stata circondata dall’esercito governativo, che sta cercando di riprendere in mano la situazione.

Nel febbraio scorso, stessa sorte subì lo stadio della Dinamo Kiev, messo a ferro e fuoco. La squadra della capitale ucraina fu costretta a giocare a Cipro la sfida di Europa League contro il Valencia. Ieri mattina, la cancelliera tedesca Angela Merkel è stata a Kiev nel tentativo di arrivare una tregua unilaterale.

photo credit: SchnitzeljagdTV via photopin