Dnipro-Napoli, semifinale di ritorno di Europa League, è una occasione storica per gli azzurri, che hanno l’opportunità storica di ripresentarsi in finale di una competizione europea a 26 anni di distanza dal successo in coppa Uefa di Maradona e compagni.
Napoli-Dnipro, le polemiche dell’andata
C’è però da vincere, o pareggiare segnando almeno due gol, a Kiev. Il Napoli si troverà di fronte un Olimpico sold out (70mila i biglietti venduti), ma ha dalla sua un Benitez apparso particolarmente carico in conferenza stampa.

L’ERRORE DELL’ANDATA

Il tecnico dei partenopei si sofferma sull’abbaglio del direttore di gara, che all’andata concesse il gol del pareggio agli ucraini nonostante una posizione doppia di fuorigioco.

Non è stato un semplice incidente. Lo sappiamo come è andata davvero. Ma quell’errore ci aiuterà. Un episodio del genere in una semifinale capita una sola volta. Qui a kiev sarà diverso, la concentrazione degli arbitri sarà altissima e la possibilità di errori minima“.

Benitez sa benissimo che per il Napoli si tratta di una opportunità storica: “Una finale di una competizione europea dopo 26 anni sarebbe qualcosa di fantastico. La formazione? Ho già in mente chi giocherà, ma dovremo valutare le condizioni fisiche di tutti“.

PARMA-NAPOLI: “HANNO ASCOLTATO ME E NON I CORI SUL VESUVIO”

Rafa si sofferma sulla squalifica per un turno a causa di uel “Calcio italiano di m****” captato dai commissari della Federcalcio.

Strano. Hanno ascolttao una mia frase contro l’ostruzionismo del Parma e non i cori contro il Vesuvio ed i napoletani che sono durati tutta la partita“.

FUTURO

Piccolo passaggio anche sulla conferma in azzurro. “Ho avuto un colloquio con con De Laurentiis, ma dovrò parlarne anche con la mia famiglia. Deciderò più avanti“.

HIGUAIN

Seduto accanto all’allenatore, c’è il bomber argentino. “Dobbiamo avere quel pizzico di fortuna in più che è mancata all’andata“, dichiara Gonzalo. “Sappiamo bene cosa ci aspetta. Dovremo dare il massimo e dimostrare di meritare la finale”.

DNIPRO

Markevic, il tecnico del Dnipro, è consapevole di aver compiuto al San Paolo un mezzo miracolo grazie soprattutto all’aiuto della dea bendata. “Dobbiamo giocare meglio rispetto all’andata. il Napoli è una squadra complicata da affrontare, ma se saremo alla loro altezza non avremo problemi“.

Così invece Kalinic: “A Napoli nel primo tempo abbiamo limitato le loro fonti di gioco. In casa possiamo fare una partita migliore“.

DNIPRO-NAPOLI, PROBABILI FORMAZIONI

PROBABILI FORMAZIONI
DNIPRO (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy, Douglas, Cheberyachko, Matos; Kankava, Fedorchuk; Luchkevych, Rotan, Konoplyanka; Kalinic.
NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; David Lopez, Jorginho; Callejon, Hamsik, Insigne; Higuain.
ARBITRO: Mazic (Serbia)