Novak Djokovic batte Roger Federer in 4 set e si aggiudica la finale degli Us Open 2015. 6-4, 5-7, 6-4, 6-4 lo score che consegna al serbo il decimo grande slam della carriera.

Flavia Pennetta trionfa agli Us Open 2015

Un match spettacolare, arbitrato dalla greca Eva Asderaki-Moore, la prima donna ad arbitrare la finale maschile a Flushing Meadows.

Nel primo set, Djokovic conquista il break decisivo al settimo gioco. Federer butta all’aria il controbreak che sarebbe valso il 4-4, scaricando in rete un rovescio. Il serbo tiene il servizio e giunge al 6-4.

Nel secondo set sale in cattedra la SABR, ovvero la Sneak Attack by Roger, il colpo furtivo di Roger: Federer avanza a rete mentre l’avversario sta battendo, giocando d’anticipo con la risposta.

Lo svizzero sfrutta bene la Sabr in una prima occasione, il serbo la neutralizza nella seconda. Il decimo game è da antologia: dura 15′ e contiene 20 punti.

Federer ha 2 set point che non sfrutta, Novak va sul 5-5, ma cederà il set due game più tardi, quando Roger conquista servizio e vola sul 7-5.

Il terzo set si chiude sul 6-4. All’ottavo gioco, Federer rischia di portarsi avanti sul 5-3, ma Nole tiene, seppur a fatica, il servizio, restando sul 4 pari.

Nel game successivo, Federer non tiene il servizio cedendo a Novak il 5-4, che il serbo trasformerà nel 6-4.

Quarto set: Federer ha ancora difficoltà col dritto, Novak ne approfitta, strappa per due volte il servizio e fila via verso il 5-2. Qui serve per il match, ma l’orgoglio di Roger si fa vivo. Lo svizzero strappa il servizio e lo tiene andando sul 5-4. Alla seconda occasio, però, Novak è implacabile: ancora 6-4. Per la terza finale di un Grande Slam consecutiva, Djokovic supera Federer.

Il serbo conquista il decimo slam della carriera, impresa riuscita a Bill Tilden negli anni venti.