Il giudice per le indagini preliminari di Milano Giuseppe Gennari ha ordinato l’arresto di Andrea Baroni, fiscalista italiano, ma residente in Svizzera.

Tra i clienti di Andrea Baroni risulta sia la Infront, la società di Marco Bogarelli advisor della Lega Calcio nella vendita dei diritti tv, che di mister Bee Thaechaubol, l’uomo alla guida della cordata di imprenditori asiatici sempre in procinto di rilevare il 48%.

L’accusa

Andrea Baroni è accusato di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio. Secondo la Procura di Milano, Baroni è il regista di una serie di fondi esteri.

Alcuni di questi fondi sono collegati proprio al numero uno di Infront Italia, Marco Bogarelli, che risulta a sua volta indagato.

Terremoto calcio?

La notizia è riportata da Il Corriere della Sera. Per il quotidiano, insieme all’arresto di Baroni, la Guardia di Finanza ha perquisito la sede della Lega Calcio.

Per la Procura milanese, ‘turbato il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto dei bandi‘ (relativi al triennio 2015-2018) e ‘turbato il corretto e imparziale svolgimento delle gare‘ con l’intenzione di ‘condizionare le modalità di scelta violando i canoni di trasparenza e leale correttezza‘.

Report

Del caso Infront si è occupato ieri Report, il programma rai condotto da Milena Gabanelli. Tra gli intervistati anche Bruno Mercuri, amministratore delegato di Videe Spa, una società di produzioni.

Queste le sue dichiarazioni: ‘Come si è generato il monopolio nel mondo del calcio? Infront è partita da advisor, poi è passata a gestore fino a sconfinare nella produzione dei contenuti e questo ha portato il settore ad essere in ginocchio davanti a loro. Non c’è libertà’.

E queste aziende per lavorare con Infront cosa devono fare, chied el’inviato di Report ‘Credo che loro abbiano un gruppo di amici, che lavorano in cambio del pagamento della cosiddetta stecca’.

Infront dietro il Genoa? la smentita di Preziosi

Così come riporta il Secolo XIX, Preziosi ha smentito qualsiasi coinvolgimento del Genoa. ‘Non ho mai ricevuto finanziamenti da Infront, come risulta dai bilanci, che sono chiari’.

‘Secondo il Sole 24 ore’ riporta il quotidiano genovese ‘l’indagine avrebbe portato gli inquirenti pure a indebiti finenziamenti estero su estero fatti da Infront a favore di Genoa e Bari’.

Cosa è Infront? Infront è una holding svizzera dietro la quale c’è Philippe Blatter, nipote di Sepp Blatter, presidente dimisisonario della Fifa.

‘C’è un pesante conflitto di interesse’ dice David Larkin, direttore dell’organizzazione Change Fifa a Report ‘I tifosi pensano che la corruzione riguardi gli sponsor, invece la maggior parte dei soldi deriva dalla commercializzazione dei diritti televisivi. Il problema sta qui. E Infront si occupa principalmente di diritti tv’.