Lunedì sera, durante il match contro la Spagna valevole per gli ottavi di finale di Euro2016, l’Italia non dovrà guardarsi solo dal pericolo delle Furie Rosse (i precedenti tra Italia e Spagna), ma anche da quello dei cartellini: sono infatti ben dieci i giocatori azzurri diffidati, tra i quali troviamo l’intera difesa titolare (Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini). Non proprio bellissime notizie in vista dei quarti: qualora contro la Spagna uno di loro dovesse essere ammonito, scatterebbe la squalifica per gli eventuali quarti di finale. Se l’Italia riuscisse a passare il turno, troverebbe la vincente tra Germania e Slovacchia, dunque bisognerà avere concentrazione doppia durante il match di lunedì sera.

Come dicevamo in apertura d’articolo, gli azzurri diffidati sono addirittura dieci: Buffon, Bonucci, Chiellini, De Rossi, Eder, Thiago Motta, Sirigu, Barzagli, Zaza e Insigne. Visto l’atteggiamento molto aggressivo che propone Conte, non c’è da stupirsi che il numero dei cartellini sia stato così alto, finora. Il punto è che dalla prossima partita bisognerà necessariamente fare i conti anche con le diffide, dunque contro la Spagna l’Italia dovrà avere un atteggiamento molto cauto. Ricordiamo che a partire dai quarti di finale, la situazione cartellini, per tutte le squadre si azzererebbe completamente. Speriamo ovviamente di poter essere tra queste squadre, vorrebbe dire aver raggiunto già un obiettivo importante.

Ovviamente non è solo l’Italia a dover fare i conti con cartellini e diffide: se l’Italia guida il gruppo delle big con il maggior numero di diffidati di tutto l’europeo, la Croazia non sta certo tanto meglio: per la nazionale che due sere fa ha stupito tutti riuscendo a battere la Spagna all’ultimo respiro ci sono 8 diffidati. A seguire, Francia e Belgio con quattro diffidati a testa, poi la Germania con tre uomini in diffida, Inghilterra e Portogallo con due e la Spagna, nostro prossimo avversario, che risulta al momento la meno fallosa tra le big d’Europa, arrivando agli ottavi con un solo giocatore in diffida.

L’obiettivo per tutte le squadre (qui trovate il tabellone completo degli ottavi di finale) rimaste in gioco ora è chiaramente arrivare ai quarti di finale, sperando chiaramente di non arrivarci con la squadra decimata: da questo punto di vista, a rischiare di più (oltre chiaramente all’Italia) è probabilmente la Croazia, che affronterà il Portogallo di Cristiano Ronaldo con otto giocatori in diffida: Badelj, Brozovic, Strinic, Vida, Rog, Vrsaljko, Srna e Perisic. Di contro, i lusitani hanno soltanto Quaresma e Pepe ammoniti.

Per il Belgio le ammonizioni sono davvero pesanti, gli uomini in diffida sono infatti giocatori del calibro di Vermaelen, Vertonghen, Meunier e Witsel. Non sta molto meglio la Francia, con Giroud, Kante, Rami e Koscielny già sanzionati con il giallo. Anche la Germania ha giocatori importanti da tenere d’occhio: Boateng, Khedira e Özil hanno già preso un’ammonizione, quindi dovranno stare molto attenti. Gli inglesi invece hanno due uomini in diffida, Cahill e Bertrand, mentre al momento i più buoni risultano essere gli spagnoli, con il solo Sergio Ramos ad aver preso un cartellino giallo. Speriamo che siano anche i più stanchi…