Un re, anzi il Re. Del rugby, s’intende. Diego Dominguez è, per tutti, il simbolo del rugby italiano e non solo. Ancora oggi risulta essere il quinto miglior marcatore internazionale della storia di questo sport con 1.010 punti in 76 incontri, nonché il primo a raggiungere i 1.000 punti. Ha vinto un titolo di campione sudamericano con l’Argentina e uno di campione europeo con l’Italia. Leonardo.it l’ha incontrato, in esclusiva, a margine dei camp estivi di rugby sponsorizzati da Mediobanca, in corso di svolgimento presso l’istituto Leone XIII di Milano. Qui sotto l’intervista completa.

Tante parole, alcune dure altre più dolci, che però ben rispecchiano quello che è il momento attuale del rugby italiano: poco ricambio, manca l’attività di base. Quella che spera di poter portare avanti Diego Dominguez, che intanto, con al suo fianco i due tecnici vice campioni d’Italia Andrea De Rossi e Filippo Frati, prosegue nell’insegnamento: “E’ importantissimo promuovere il rugby – le sue parole – ma serve qualità sia sul lato sportivo che fuori dal campo”. Lui, Dominguez, che a Milano ha vinto quattro Scudetti e una Coppa Italia, riparte proprio dal capoluogo meneghino per rilanciare il suo sport. Ma il sogno nel cassetto è sempre quello: “Voglio vincere il Sei Nazioni”.

DIEGO DOMINGUEZ INSEGNA RUGBY A MILANO

IMPARA A GIOCARE A RUGBY CON DIEGO DOMINGUEZ

LEGGI ANCHE

Giocatore rugby morto: Alberto Cigarini stroncato da un ictus a 25 anni negli Stati Uniti

Italia-Australia rugby 2013: ecco i Wallabies per Torino e dove vedere la gara in televisione

Rugby Sei Nazioni 2014: svolta nella palla ovale, il torneo va in chiaro su DMAX