Senza vittorie da 19 anni, senza gol da 9 gare: ora o mai più per il Torino. I granata saranno impegnati sul campo della Juventus per il derby n.188 (in campionato) e n.229 (tutte le competizioni ufficiali).

La parola “derby“, mutuata dall’inglese e dall’ippica, iniziò a comparire nelle cronache calcistiche intorno al 1929. Uno dei primi ad usarla fu il grande Vittorio Pozzo, giornalista de La Stampa e ct azzurro.

Dopo una lunga pausa dovuta ai divieti di usare termini anglofoni, ricomparve nel dopoguerra.

La prima definizione di “derby della Mole” la troviamo nel 1951, sempre sul quotidiano “La Stampa” e sempre per mano di Vittorio Pozzo.

Dal 13 gennaio 1907 ad oggi le stracittadine di campionato disputate sono dunque 187, con un bilancio di 68-49 per la Vecchia Signora, che è in vantaggio (94-72) anche nel totale ufficiale. Juve-Toro è stata anche una doppia finale di Coppa Italia (1937-38, doppio successo bianconero) e uno spareggio per la qualificazione alla Coppa Uefa (vittoria juventina ai rigori dopo 120′ senza gol; era il 23 maggio 1988).

Il capocannoniere della sfida è l’oggi 85 enne Giampiero Boniperti (14 reti), mentre lo straniero con più gol è Michel Platini con 7. Il bomber granata è Paolino Pulici con 9 centri.

Tra le gare mitiche, rimaste nella memoria delle tifoserie, citiamo Juve-Toro 4-2 (da 0-2) del 7 marzo 1982, ma anche due rimonte granata, quella del 14 ottobre 2001 (da 0-3 a 3-3) e quella del 29 marzo 1983 (da 0-2 a 3-2 in 4 minuti).

Foto: Infophoto.