Dopo la sconfitta del Napoli al Tardini (leggi qui la cronaca della gara), che di fatto ha bloccato la corsa dei partenopei al secondo posto in classifica (per approfondimenti clicca qui), Aurelio De Laurentiis ha voluto chiarire la propria posizione mediante un comunicato sul sito ufficiale della squadra campana riguardo ad un episodio increscioso verificatosi con un tifoso al termine del match.

“Io ho un grande rispetto per tutti i tifosi e ovviamente ho una predilezione per quelli del Napoli.

Ho sempre detto che in me, durante la partita e nei successivi 20 minuti, vivono due anime contrapposte e contrarie. Quella del tifoso che ha partecipato alla vittoria o alla sconfitta della propria Squadra e quella del Presidente.

Ieri ero molto inquieto e deluso per il risultato oltre che per la conduzione della gara, con un rigore negato che avrebbe potuto cambiare l’esito della partita. Sono uscito di corsa e sono salito in fretta in macchina per andare all’aeroporto. Un tifoso improvvisamente mi ha urlato al finestrino. Ancora sotto l’effetto emotivo della gara, sono sceso in modo forse parimenti irruento per chiedergli cosa avesse da recriminare. Dopo pochi secondi sono tornato nuovamente in macchina  e via all’aeroporto.

Arrivato a Roma ho immediatamente contattato il tifoso tramite Nicola Lombardo. Nella telefonata mi sono scusato dell’accaduto e l’ho invitato ad un incontro cordiale nei miei uffici”.

Il Presidente al momento di lasciare lo stadio sembra che abbia spintonato un tifoso partenopeo avvicinatosi a lui per dirgli: “Questa partita si poteva vincere” (leggi qui i dettagli).

(foto by Infophoto)