Beckham si ritira all’età di 38 anni: le cifre della carriera di un campionissimo, che ha fatto divertire le platee e ispirato anche il cinema, vedi il lungometraggio “Sognando Beckham” e le varie partipazioni alla serie “Goals”.

David Beckham dice stop dopo 420 gare ufficiali e 19 trofei vinti. Ha saputo gestire al meglio la sua vita privata (nonostante i numerosi gossip dopo il matrimonio con la moglie Victoria) e anche farsi apprezzare per la sua professionalità quando ha vestito la maglia del Milan.

Ecco i numeri:

115 – le sue presenze nella nazionale inglese, con 17 reti.

19 – i trofei di squadra vinti in carriera: 14 con lo United (6 volte la Premier), 2 con il Real Madrid e il Galaxy e la Ligue 1 con il Psg.

17 – gli anni di David quando debutta in prima squadra con la maglia dello United, nel 1992. Non ha ancora il numero 7, che è saldo sulle spalle del francese Eric Cantona, idolo della tifoseria. Lui gioca col 10, che poi cederà a Teddy Sheringham.

11 – il giorno di settembre (del 1996) della sua prima volta contro una squadra italiana. Gioca al Delle Alpi e perde 1-0 contro la Juventus di Lippi. Decide una rete di Boksic. In campo anche Antonio Conte, attuale tecnico bianconero, il portierone Schmeichel, il futuro laziale Poborsky e il figlio d’arte Jordi Cruyff. Qualche settimana dopo è già nel mirino delle squadre italiane, Juventus e Milan su tutte.

7 – i cartellini rossi ricevuti in 420 gare ufficiali con Man Utd, Real Madrid, Milan, LA Galaxy, Paris SG e nazionale inglese. Il “rosso” più famoso, quello ai Mondiali 1998, per la reazione ad un fallaccio di Simeone.

5 – le presenze ufficiali con la maglia del Preston North End, il glorioso club inglese che vinse la prima edizione del campionato nel 1888-89. Segnò due reti, una su punizione e l’altra direttamente da calcio d’angolo.

0 – le volte in cui ha vinto il Pallone d’Oro. Piuttosto strano, visto che nell’albo d’oro del trofeo assegnato ogni anno da France Football, figura Michael Owen.

Foto: Infophoto.