L’uscita con scandalo di Sam Allardyce potrebbe condurre un italiano sulla panchina dei tre leoni. In base agli ultimi rumors Roberto Mancini e Claudio Ranieri sono fra i più papabili successori.

“CONSULENTE” DI MERCATO

Appena 67 giorni è durato Big Sam in panchina, il tempo di una partita. A costargli caro lo scandalo pubblicato ieri dal The Daily Telegraph, in cui l’ex allenatore di Sunderland e West Ham dispensava consigli a degli sconosciuti (in realtà giornalisti “travestiti” da uomini d’affari) su come aggirare le regole inglesi che vietano le terze proprietà dal 2008 e dava la disponibilità ad entrare in un affare da 400 mila sterline, tariffe fissate per prestazioni occasionali in Asia.

AMMISSIONE DI COLPA

La Fa, massimo organo del calcio inglese, ha diramato la seguente nota: “La condotta di Allardyce, come riportato oggi, si è dimostrata inadeguata per un tecnico dell’Inghilterra. A causa della gravità delle sue azioni, la Fa e Allardyce hanno concordato di risolvere il contratto con effetto immediato”. Colto con le mani nel sacco, il diretto interessato si è dichiarato dispiaciuto per quanto commesso: “Mi dispiace per aver messo in imbarazzo la Federazione e mi scuso con chiunque si sia sentito offeso dalle mie parole”.

MISTER DI SPICCO

Il ruolo da nuovo commissario tecnico della nazionale inglese fa gola a tanti. Un nobile incarico che ha fatto uscire tanti nomi per il dopo Allardyce e secondo quanto riporta l’edizione online del Sun ci sono anche due italiani nella corsa alla panchina dell’Inghilterra: il primo corrisponde a Claudio Ranieri, attualmente al Leicester. Il tecnico romano, però, ha da poco rinnovato fino al 30 giugno del 2020 e difficilmente lascerà nel breve periodo la panchina delle Foxes. Il secondo tecnico sul taccuino della federazione d’oltremanica è Roberto Mancini, momentaneamente libero sul mercato dopo l’addio all’Inter di due mesi fa.