Temperatura gelida in quel di Mosca, temperatura bollente nei cuori dei tifosi giallorossi: se questa sera alle 18 la Roma dovesse espugnare la tana del CSKA, e il Bayern Monaco dovesse poi fermare il Manchester City, per la squadra di Garcia arriverebbe la qualificazione aritmetica agli ottavi di finale di Champions League con un turno di anticipo. Un risultato eccezionale, vista la durezza del girone e viste le mattanze subite dai bavaresi, ma ancora tutto da conseguire; vero, i russi ne hanno prese cinque all’Olimpico, all’esordio nel girone, ma poi sono cresciuti molto, andando perfino a vincere all’Ethiad Stadium, e anche per loro la qualificazione è un obiettivo concreto. Inoltre, la Roma deve fronteggiare per l’ennesima volta una situazione di emergenza difensiva.

Le probabili formazioni di CSKA Mosca-Roma

Il guaio principale per Rudi Garcia è rappresentato dal terzino destro. L’assenza di Torosidis e il mistero di Maicon costringeranno il francese a inventarsi una soluzione di ripiego per coprire il ruolo. Tre i candidati: il baby Somma, Florenzi e, a sorpresa, Nainggolan. Le ultime voci provenienti dalla Russia danno per favorito il belga, mentre Florenzi dovrebbe essere riproposto nel tridente offensivo, accanto a Totti e Gervinho. A sinistra dovrebbe giocare Holebas, dal momento che in questo momento Ashley Cole è difficilmente presentabile in match così delicati. Per il resto, invece, formazione praticamente obbligata, con l’inserimento di Keita in mediana al posto di Radja. Il CSKA dovrà fare a meno di due elementi importanti come Elm e Natcho, e soprattutto del suo pubblico: la gara infatti si disputerà a porte chiuse per i disordini del match di andata a Roma.

CSKA MOSCA (4-1-4-1): Akinfeev; Mário Fernandes, Ignashevich, V. Berezutski, Schennikov; A. Berezutski; Dzagoev, Wernbloom, Eremenko, Musa; Doumbia. All. Slutski.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Nainggolan, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De Rossi, Keita; Florenzi, Totti, Gervinho. All. Garcia