Il calcio non regala soltanto episodi deprimenti come quello del vampiresco Suarez, che ha voluto assaggiare a morsi la carne di Giorgio Chiellini, e non è fatto soltanto di giocatori che spesso riempiono le pagine dei giornali con notizie poco edificanti, comportamenti polemici inutili  e che non rappresentano esattamente dei modelli di stile e comportamento dentro e fuori del campo da gioco (Balotelli shock “Forse non sono italiano, noi negri siamo migliori”).

Il calcio non è solo questo, appunto, e Cristiano Ronaldo ce ne ha offerto un bellissimo esempio proprio qualche giorno fa, quando prima del match Portogallo-Ghana ha abbracciato alcuni suoi piccoli fans nel tunnel degli spogliatoi. Per un bambino appassionato di calcio incontrare uno dei giocatori più celebri al mondo deve essere una gioia incredibile, poterlo abbracciare deve essere una gioia ancora più grande. Il calciatore del Real Madrid ha dispensato sorrisi e abbracci affettuosi a tutti e ha regalato un ricordo indimenticabile ai bimbi presenti.