Dopo la deludente sconfitta a San Siro contro il Genoa – in cui il Milan ha dimostrato tutti i suoi limiti tecnici ma soprattutto mentali – l’avventura di Filippo Inzaghi è ancora a rischio, per l’ennesima volta in questa stagione.

La società milanista starebbe infatti pensando di affidare la  panchina ad un nuovo esordiente nonché allenatore della Primavera: Cristian Brocchi. Si tratterebbe con molta probabilità di un semplice traghettatore, che andrebbe ad occupare il posto di Super Pippo per le restanti cinque partite, in un campionato che ormai non ha più nulla da dire e in casa Milan non vedono l’ora finisca.

Il tecnico piacentino attende la decisione della società, ma sottolinea la sua ferrea volontà a restare al suo posto, nonostante tutto: “Io non mollo mai, ho sempre dato tutto me stesso, vado avanti a testa alta. Qualsiasi cosa accada, il Milan resterà per sempre nel mio cuore. Domani sapremo le decisioni della società”.

In merito alla incolore partita con il Genoa, Super Pippo ha dichiarato ai microfoni di Sky: “Il calcio è così, ci sono notti belle e brutte. Mi dispiace, rispetto a Udine ce l’abbiamo messa tutta, ma non basta più neanche questo, dobbiamo finire con dignità. Si è spenta la luce dopo il derby, facciamo fatica a riaccenderla”.

Se il Milan dovesse decidere di esonerare Super Pippo e optare per l’esordiente (e inesperto) Brocchi – che non costerebbe nulla, visto che è già a libro paga della società – , c’è il rischio concreto di “bruciare” un altro tecnico di belle speranze, che ben sta figurando con la Primavera ma che non ha il background per poter sedersi su una panchina scottante come quella del Milan di oggi.