La faccenda dei cori contro Boateng assume sempre più i contorni dell’operetta grottesca. Dopo le deliranti affermazioni di Idris e il canto e controcanto di buonisti e demagoghi di professione, ecco l’ennesimo coup de théatre: come riporta l’edizione online del Corriere della Sera, tra gli indagati c’è anche un assessore del comune di Corbetta, il leghista Riccardo Grittini.

Assessore di fresca nomina, anche perché ha solo 21 anni, studente alla Cattolica, Grittini è stato pizzicato in flagrante, durante la sua scimmiesca performance, dalle telecamere e identificato dalla Digos e dalla Questura di Varese. Difeso dal sindaco, il compagno di partito Antonio Balzarotti (“è un bravo ragazzo”), Grittini si è difeso, ridimensionando l’episodio a una sciocca goliardata. Probabilmente è così, dietro manifestazioni di questo genere molto spesso c’è più idiozia di gruppo che razzismo vero e proprio; ma, altrettanto probabilmente, questo sarà più che sufficiente per stroncargli l’embrione di carriera politica che aveva messo in congelatore.