Con un clamoroso comunicato stampa, la Curva Nord, cuore della tifoseria dell’Inter (foto by InfoPhoto), ha espresso solidarietà agli ultras del Milan in merito alla chiusura dello stadio di San Siro, causa cori contro i tifosi del Napoli di domenica sera. Non solo: la Curva Nord lancia un vero e proprio appello a tutto il mondo ultras, affinché si mobiliti per far squalificare in un colpo tutti gli stadi di Serie A, in segno di protesta per quella che viene ritenuta una sorta di crociata contro le tifoserie organizzate.

Ora basta! È davvero troppo! Siamo al fianco della Curva del Milan! Sì, proprio loro che sono i nostri più odiati nemici nelle stracittadine e che, fin da bambini, ci hanno fatto conoscere le parole “odio” e “rancore” (…). Siamo con i napoletani! Proprio loro, contro i quali coltiviamo forse la nostra più acerrima inimicizia. Proprio loro che hanno dimostrato domenica, con lo striscione “NAPOLI COLERA” (…), chi sono i veri buffoni di questa triste storia di discriminazione e razzismo. Siamo pronti e auspichiamo che tutte le curve facciano cori discriminanti per arrivare a una domenica di totale chiusura degli stadi

Bene. In altre parole: se per caso il proclama dovesse venire preso in parola, la Procura Federale sarà costretta dalle sue stesse, stupide norme a chiudere tutti gli stadi d’Italia, con l’ovvia conseguenza che le svariate decine di migliaia di abbonati che non appartengono ai gruppi organizzati protesteranno in massa, con probabile intervento del Codacons, richieste di risarcimento danni, ridiscussione di contratti televisivi, di sponsorizzazione, etc etc. L’alternativa è che la Procura Federale cali le braghe e si rimangi tutto, decretando il trionfo dell’organizzazione ultras e rimediando alle istituzioni del calcio italiano una delle più memorabili figure di guano della loro già turbolenta storia.

Uno scacco matto autoinflitto del genere non si era mai visto. Il tutto, in nome di un malinteso senso del pudore. Ma che bravi.